Home Municipi Municipio XI

Magliana: stop ai lavori sul cantiere dell’ex Saferrot

Dopo l’esposto del Pd per il Dipartimento “non risulta esistere il requisito della legittimità edilizia”

SHARE

MAGLIANA – L’intervento urbanistico programmato sul sito della ex Saferrot di Magliana sembra essere illegittimo. È questa la notizia diramato oggi dagli esponenti locali del Pd Gianluca Lanzi, Segretario del Circolo PD Municipio XI, e Daniela Gentili, Responsabile della sede PD Magliana: “Il Piano Casa riguardante l’ex stabilimento Saferrot alla Magliana non si farà. Questa è una vittoria dei cittadini e del Partito Democratico che alcuni mesi fa ha segnalato con un esposto la non conformità dell’intervento urbanistico riguardante l’immobile in Via Sillano”.

L’INTERVENTO – La vicenda di questo intervento viene da lontano e il cantiere è in atto già dalla fine del 2016. Già allora il Pd municipale aveva richiesto lumi sulle opere, anche a fronte di un cartello di inizio lavori lacunoso in molte sue parti, scoprendo, soltanto in seguito, l’assenza dell’autorizzazione ai lavori da parte del Genio Civile. Altro tema riguarda le opere previste per il quartiere, dato che sull’area era già stato individuato in passato un Piano di Recupero Urbano, nel quale era stato inserito l’abbattimento dei circa 20mila mq del capannone e la realizzazione di spazi pubblici, di una biblioteca e di una terrazza sul Tevere.

LA LEGITTIMITÀ EDILIZIA – La risposta all’esposto presentato dal Pd è arrivata con una nota del 19 gennaio scorso dell’Ufficio Permessi di Costruire del Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica di Roma Capitale. Nel testo si legge che l’Ufficio “esaminata la documentazione pervenuta, ha riscontrato che per l’immobile non risulta esistere il requisito della legittimità edilizia, fondamentale per la valutazione dell’istanza medesima ai fini dell’applicabilità della L.R. 21/09”, cioè il cosiddetto Piano Casa dell’allora Giunta Polverini. Allo stesso tempo il Dipartimento invita il Municipio XI “ad effettuare gli opportuni sopralluoghi al fine di verificare lo stato dei luoghi rispetto ai lavori eventualmente già eseguiti in nome della società proponente”.

IL RIPRISTINO DEI LUOGHI – A questo punto gli esponenti locali del Pd tornano a chiedere l’intervento immediato del Municipio XI: “Chiediamo – concludono Lanzi e Gentili – che siano effettuate quanto prima le verifiche sollecitate dal Dipartimento e che, qualora vi siano stati interventi, sia intimato alla società proponente di intervenire per ripristinare lo stato dei luoghi”.

Leonardo Mancini