Home Municipi Municipio XI

Magliana, Via di Generosa: uomini del NAE scoprono allacci abusivi ad acqua ed elettricità

SHARE
marconi00001

Cinque persone identificate, al vaglio la posizione dei proprietari dell’immobile

IL VILLINO IN VIA DI GENEROSA – L’operazione condotta nella mattinata di ieri dagli uomini del reparto NAE del gruppo Marconi, ha interessato un villino fatiscente in via di Generosa alla Magliana abusivamente allacciato alle utenze di luce e acqua. La struttura era circondata da una rete verde e protetta da cani sciolti, gli agenti da diverso tempo tenevano d’occhio l’insolito via vai di persone. 

L’OPERAZIONE – “Alle 6.15, sollevata la rete di recinzione, gli agenti sono entrati portando alla luce una situazione di degrado e di illegalità – si legge in una nota – all’interno del villino, ridotto a casolare fatiscente, gli agenti hanno trovato 5 persone extracomunitarie tra cui due donne, con tracce di almeno altre cinque persone al momento assenti”. Pessime le condizioni igieniche all’interno del vilino. Gli occupanti vivevano in tre stanze su due livelli, dividendo un bagno/cucina improvvisato nella stessa stanza. Per riscaldarsi e cucinare venivano utilizzate stufe e fornelli elettrici.

I FERMI – Tre persone di nazionalità lituana sono state identificate sul posto, mentre due uomini di nazionalità ucraina, non identificabili, sono stati condotti al centro di foto-segnalamento: risultati clandestini con precedenti penali e un decreto di espulsione a loro carico sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per reati contro la Legge sull’immigrazione; uno dei due verrà anche denunciato per uso e detenzione di documenti falsi e declinazione di false generalità a Pubblico Ufficiale.

GLI ALLACCI ABUSIVI – Proseguendo nei controlli, gli agenti hanno scoperto che l’impianto elettrico del villino era collegato abusivamente ad una cabina elettrica esterna regolarmente chiusa: i tecnici Enel, giunti sul posto, hanno confermato l’allaccio, che era occultato e sotto traccia, quindi parte integrante dell’immobile; anche le connessioni all’acquedotto pubblico sono risultate abusivi.

AL VAGLIO LA POSIZIONE DEI PROPRIETARI – I dimoranti, ascoltati dai funzionari, hanno dichiarato la loro estraneità ai collegamenti, dichiarando di pagare ciascuno ai proprietari 150 Euro mensili tutto compreso. Gli agenti stanno ora vagliando la posizione dei proprietari, che sono stati convocati: dovranno dimostrare da quanto gli impianti siano allacciati in modo abusivo e i loro rapporti con gli affittuari. Le indagini sono ancora in corso, dalle quali probabilmente scaturiranno altre denunce.