Home Municipi Municipio XI

Marconi, tanti progetti in cantiere per la mobilità e l’urbanistica

SHARE
MUNICIPIO XV - grazia ottobre 2009 295

Il Municipio XV annuncia interventi futuri. Intanto il Comune presenta il Piano della Mobilità.
S
abato 17 e domenica 18 il Municipio XV, insieme alla Regione Lazio ed al consorzio dei commercianti Centro Arvalia Marconi, ha organizzato due giorni di iniziative con spettacoli in piazza e dibattiti, e la premiazione dei giovani del concorso “24oreXdiventareunastar”. Tra gli ospiti  presenti alla  manifestazione l’immancabile Lino Banfi, oltre a Stefano Disegni, Lina Wertmuller e molti altri.

Ma è stata soprattutto l’occasione per il Presidente del XV Gianni Paris, per presentare agli abitanti del municipio, in un convegno tenuto domenica presso l’hotel H10, i progetti in cantiere che, con tempi di realizzazione più o meno lunghi, dovrebbero elevare gli standard qualitativi della zona.
La Città del Gusto, il Teatro India, il Cinema Multisala sono realtà recenti ma già consolidate. Fiore all’occhiello dell’amministrazione ma soprattutto spazi di interrelazione in un quartiere, come dichiara Paris, “dove mancano luoghi come le piazze per incontrarsi”.
Così, in presenza anche dell’Assessore comunale alle Attività Produttive Bordoni e dell’Assessore regionale a Sviluppo Economico e Turismo Mancini, Paris illustra i progetti importanti che completeranno la riqualificazione pensata e avviata già diversi anni fa: la costruzione di 3 parcheggi interrati, che oltre a portare nuovi posti auto, anche a rotazione, riqualificherà le aree di superficie con progetti all’avanguardia che abbelliranno piazzale della Radio, piazza Meucci e via Fermi. La realizzazione di una fermata della linea D della metropolitana a piazza Fermi i cui lavori inizieranno verosimilmente tra la fine del 2010 e l’inizio del 2011. Spazi verdi, potenziamento delle piste ciclabili e realizzazione di percorsi a cavallo.
Secondo il Presidente Paris, agli impegni municipali non sembrano però seguire quelli comunali, infatti commenta così il recente Piano Mobilità presentato dalla Giunta Alemanno: “Più che un piano per la mobilità sembra un piano per la comunicazione e l’immagine: tutti i progetti presentati vengono da quella ‘cura del ferro’ che già qualche anno fa inventò l’ex assessore Walter Tocci. Di contro un intervento importante e atteso come la Funivia sul Tevere, che doveva collegare il quartiere Magliana con la fermata Metro B omonima, già finanziato e con progetto esecutivo, è totalmente scomparso”. “Il Piano strategico per la mobilità sostenibile rappresenta una base importante per avviare nella Capitale una vera e propria rivoluzione ecologica nel settore della mobilità –controbatte Andrea De Priamo, Presidente Commissione Ambiente del Comune- Una nuova architettura della città, basata su alcune linee guida fondamentali: riorganizzazione della rete di trasporto pubblico di superficie, con l’accento sul sistema tramviario; progressiva pedonalizzazione del centro storico, aumento delle zone a traffico pedonale privilegiato e progressiva realizzazione di ‘isole ambientali’; interventi di ottimizzazione, potenziamento e prolungamento delle attuali metropolitane e la costruzione di nuove, come la metro D;  la promozione di modi di trasporto alternativo, come il taxi collettivo, il bike sharing, il car sharing, il car pooling e sistemi di ciclabilità avanzata”.

In questi giorni inoltre si è parlato di un altro progetto di sicuro interesse: il Mercato dei Fiori.
“Un’opportunità per il territorio” la definisce il consigliere municipale Augusto Santori (PdL). L’area individuata è quella presso i vecchi stabilimenti FIAT tra Magliana e Trullo. Si prospetta un’opportunità interessante anche in relazione allo stanziamento in bilancio, da parte del Comune, dei fondi per realizzare il Ponte dei Congressi.
“Si tratta di un’opera propedeutica per lo sviluppo delle future politiche di mobilità municipale” precisa il consigliere, membro della Commissione Lavori Pubblici. E la sua realizzazione, sarà indispensabile per decongestionare il traffico del quartiere Magliana, perché “consentirà l’apertura della strada di via Frattini che collega il quartiere Portuense con la Roma-Fiumicino, un’arteria importante di scorrimento veloce che attualmente termina con un muro e che è tristemente nota per gli incidenti automobilistici”.

Fabio Grilli
Urloweb.com