Home Municipi Municipio XI

Municipio XI: Gianluca Lanzi si candida alle primarie del Pd

In vista del voto in primavera il segretario del Pd Lanzi conferma la sua candidatura

SHARE

MUNICIPIO XI – Per il Municipio XI, dallo scorso aprile guidato dal Delegato della Sindaca, Mario Torelli, nella prossima primavera potrebbe aprirsi la finestra elettorale in corrispondenza con le elezioni amministrative che si svolgeranno in molti comuni d’Italia. Così in queste ultime settimane non sono mancate le prime indiscrezioni su coalizioni e candidati, ma oggi arriva la prima candidatura ufficiale, anche se per il momento solo alle primarie del Pd. Si tratta di Gianluca Lanzi, ex Consigliere municipale e attuale segretario locale del partito.

E PRIMARIE DEL PD

Le primarie del PD si terranno domenica 15 dicembre, mentre la scadenza per la candidatura (con 250 firme) è fissata per il 26 novembre. Lanzi nell’annunciare la sua candidatura ha sottolineato la valenza politica di questo appuntamento elettorale a un solo anno dalle elezioni amministrative di Roma Capitale: “In questi giorni di riflessione e soprattutto di confronto con tanti amici ho capito di non essere solo, ho capito che questa non è una battaglia solitaria. È la sfida di una comunità che non crede nell’individualismo egoista che sembra dilagare nella nostra società, che non vuole arrendersi al degrado e all’incuria del nostro territorio, che non si rassegna a servizi educativi e sociali sempre più ridotti, che ogni giorno, attraverso il proprio impegno, cerca di costruire un futuro migliore per i propri figli”.

IL PANORAMA POLITICO

Naturalmente è d’obbligo uno sguardo al panorama politico di queste prossime elezioni: “Avremo di fronte questa destra sovranista, antieuropeista e razzista – sottolinea Lanzi – Un avversario pericoloso, che non presenterà proposte o soluzioni, ma che continuerà a fare quello che fa ogni giorno: seminare odio e rabbia, alimentare contrapposizioni tra chi ha poco o niente e, proprio per questo, è più esposto e ha maggiori difficoltà. A questo dovremo contrapporre la forza delle idee, progetti e soluzioni concrete, e un metodo di lavoro nuovo basato sulla condivisione e la partecipazione popolare”.

LeMa