Home Municipi Municipio XI

Municipio XI: tempi lunghi per i progetti delle preferenziali, così i fondi vengono rimandati al prossimo anno

Stralciati dall’Assestamento di Bilancio i fondi per la realizzazione delle corsie preferenziali di viale Marconi e via Portuense

SHARE

TEMPI LUNGHI – Che i tempi per la realizzazione della corsia Preferenziale a Viale Marconi si sarebbero allungati non è una novità. La notizia l’avevamo già anticipata qualche giorno fa. Il motivo dei ritardi starebbe nella necessità per l’Amministrazione capitolina di spostare la data limite per l’ottenimento del progetto esecutivo, inizialmente previsto per la fine dell’anno. Questo ritardo, hanno assicurato gli esponenti municipali del M5s, dovrebbe comunque essere utilizzato per mettere in piedi un progetto di riqualificazione più ampio volto a coinvolgere l’intero quadrante.

LO STRALCIO DEI FONDI – Adesso però questa notizia è una realtà, messa nero su bianco con lo stralcio dei fondi destinati alla corsia preferenziale di viale Marconi (1,5 milioni) (assieme a quella prevista per via Portuense) dal documento di assestamento di bilancio 2017-2019. L’annuncio è stato dato questa mattina dal gruppo del Pd in Municipio XI, che ha corredato l’immagine del documento postata sui social network con il commento: “Così il M5s non governa il Municipio Roma XI”. Per il Pd Municipale l’atteggiamento della maggioranza grillina equivarrebbe da un lato a gettare ‘fumo negli occhi dei cittadini promuovendo una consultazione online per far scegliere il progetto di preferenziale, dall’altro al primo appuntamento utile di bilancio, i soldi per l’opera invece di essere incrementati, vengono azzerati”. Il documento citato dai consiglieri dem nei prossimi giorni andrà in discussione in Campidoglio, “senza che lo stesso sia stato portato in discussione nel territorio – spiegano i consiglieri Veloccia, Lanzi, Fainella e Vastola – La maggioranza municipale infatti, o per acclarata incapacità, o per vergogna, si è guardata bene dal portare in discussione questa manovra di assestamento, nascondendo un nuovo fallimento”.

DAL CAMPIDOGLIO – La replica agli attacchi è arrivata solo nel pomeriggio, con il consigliere e presidente della commissione capitolina Mobilità, Enrico Stefàno, che assicura: “Il progetto non sparisce, anzi va avanti in maniera sempre più determinata e condivisa. È necessario solamente più tempo per la fase di progettazione, proprio per l’importanza che riveste, e quindi i fondi a disposizione per quest’anno (che non si sarebbero potuti utilizzare se non completando la progettazione esecutiva entro dicembre) sono stati rimodulati sulle successive annualità”. Anche in merito al progetto della preferenziale su via Portuense, il commento allo stralcio dei fondi è lasciato al consigliere Stefàno: “Questa resta assolutamente nei nostri programmi, ma anche qui i fondi necessari saranno inseriti negli anni successivi – conclude – così da liberare risorse per interventi urgenti di messa in sicurezza non più rimandabili per quest’anno”.

IL BOTTA E RISPOSTA – La posizione di Stefàno non viene assolutamente condivisa dal gruppo municipale del Pd, che replica affermando che consigliere capitolino “ha cercato di giustificare tale provvedimento assicurando a chiacchiere che i fondi verranno rimessi nelle prossime annualità. Peccato – concludono – che il piano investimenti è triennale e neppure nel 2018 o 2019 si scorge traccia di questi finanziamenti”. Una preoccupazione questa confermata anche dal consigliere municipale di Fdi, Valerio Garipoli, che chiede maggiori informazioni sulle progettualità verso cui verranno spostati i fondi inizialmente destinati alle preferenziali: “Non è chiaro né come i fondi a disposizione per quest’anno saranno rimodulati sulle successive annualità né come verranno rinvestiti in interventi per i quali la progettazione sembrerebbe ad uno stato più avanzato – afferma Garipoli – Invitiamo pertanto i Consiglieri Pentastellati Lucidi, Stefano e Zuccalà,  a comunicare progettualità e tempistiche certe ai residenti senza avventurarsi in sondaggi e comunicati stampa privi di veridicità e programmazione. Il tempo in più – conclude – dovrebbero utilizzarlo per riflettere su questa pessima amministrazione municipale che proprio sulla mobilità non riesce a progettare investimenti a lungo termine e di una certa portata”.

Leonardo Mancini