Home Municipi Municipio XI

Muratella: nuovo incendio all’interno del Campo Nomadi

SHARE

MURATELLA – Nuovo incendio all’interno del Campo Nomadi di via Candoni in zona Muratella. Nel pomeriggio di oggi una colonna di fumo scuro si è alzata dall’interno del campo, visibile distintamente anche a diversi chilometri di distanza. Al momento non è chiara la dinamica del rogo, né quali materiali siano stati divorati dalle fiamme.

SOLO L’ULTIMO DI UNA LUNGA SERIE – Immediate le reazioni della politica locale, che ha sottolineato come questo rogo sia solo l’ultimo di una lunga serie: “Ennesimo incendio a Muratella e nuovo rogo tossico nel campo nomadi di Candoni. Un quartiere sempre più abbandonato in balia ed attesa da anni di un programma di chiusura del campo e definitiva riqualificazione dell’area – ricorda il capogruppo municipale di Fdi, Valerio Garipoli – Palese oramai il fallimento e inefficacia del piano d’integrazione voluto dall’amministrazione capitolina. L’integrazione d’altronde si realizza esclusivamente se vi è un vera volontà da parte della comunità dei Rom, Sinti e Caminanti che non risulta esserci. Troppo tempo e troppe risorse sprecate. Un danno per i residenti ed ambiente – conclude l’esponente di fdi – Invitiamo quindi il Sindaco a rivedere le politiche adottate e da adottare”.

PRONTA L’INTERROGAZIONE – Anche dall’esponente locale della Lega, Daniele Catalano, si sottolinea il clima di insicurezza percepito dai residenti della zona: “Molti cittadini ci hanno segnalato la presenza di una nube nera alzarsi dal campo nomadi di Via Candoni, uno dei “villaggi della solidarietà” tollerati a Roma, da sempre luogo di grande insicurezza non solo per episodi come questi, ma anche relativi al lancio di sassaiole nei confronti del deposito Atac sottostante e per situazioni di criminalità riscontrate più e più volte all’interno del campo dalle forze dell’ordine – seguita Catalano – Ancora una volta i cittadini di Muratella e Magliana sono costretti a respirare questi fumi che sicuramente non fanno altro che agitare i residenti, i quali manifestano il loro dissenso per una coabitazione coatta che porta solo insicurezza e degrado. Invieremo una nota agli organi competenti di Roma Capitale e agli altri enti per capire se durante questo incendio si siano sprigionate particelle nocive per la salute delle persone e depositeremo una nuova interrogazione per avere delucidazioni sul tardivo piano di superamento dei campi annunciato ormai due anni fa dall’assessore Baldassarre”.

LeMa