Home Municipi Municipio XI

Nasce SOS Azzardo, lo sportello contro la ludopatia

SHARE
gioco-azzardoslotrepertorio

In collaborazione con il SerD il nuovo servizio contro la dipendenza da gioco d’azzardo

LO SPORTELLO – Il 2 marzo scorso sul territorio del Municipio XI è stato attivato lo sportello contro la ludopatia ‘SOS Azzardo’. Il servizio completamente gratuito si trova in via della Magliana 160, presso la sede della Cooperativa Magliana ’80, ed è aperto dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 16. Lo sportello è stato istituito in collaborazione con il Servizio per le Dipendenze patologiche (SerD), offre programmi di accoglienza, orientamento e supporto legale, sociale e psciologico in collaborazione con psicologi, medici, avvocati ed educatori, a tutte le persone che soffrono di patologie legate al gioco d’azzardo ed a tutti i potenziali giocatori, con particolare attenzione agli adolescenti, alle donne e agli anziani.

IL PROGETTO – “Le problematiche relative alla dipendenza da gioco d’azzardo sono in costante crescita e rappresentano un vero e proprio allarme sociale, con un giro d’affari di circa 80 miliardi di euro annui e, solo a Roma e provincia, sono attive circa 50mila slot e 718 sale da gioco – ha dtto il Presidente del Municipio XI, Maurizio Veloccia, in occasione della presentazione del progetto – Questi dati ci hanno portato a riflette sulla crescente gravità del problema e sulla necessità di offrire il giusto supporto a chi sta vivendo un momento di forte difficoltà, una realtà ancor più importante in un contesto storico di crisi e di precarietà lavorativa ed economica, in cui le persone tendono a rinunciare a servizi e consulenze che potrebbero aiutarli a superare situazioni che mettono a dura prova la propria resistenza personale”.

L’EVASIONE DEL GIOCO ON-LINE – Intanto i questi giorni si è portata a compimento l’operazione della Guardia di Finanza di Roma denominata ‘ALL-IN’. Che ha permesso di riportare in Italia il reale valore di mercato delle transazioni avvenute tra le società di un gruppo internazionale, recuperando il maggiore reddito non dichiarato al Fisco italiano. Come battono le agenzie, al centro delle indagini è finito il gruppo “Pokerstars” che, attraverso la costituzione di due società nazionali, gestisce, di fatto, il gioco del poker on line in Italia. Gli uomini delle Fiamme Gialle hanno ricostruito i passaggi economici tra alcune aziende del settore, portando alla luce ricavi non dichiarati al fisco per oltre 300 milioni di euro.

AD