Home Municipi Municipio XI

Parco del Tevere: finalmente inaugurati i 9 ettari di verde attrezzato

SHARE
parcotevereinaugurazione

Un’opera di riqualificazione necessaria per il quartiere Magliana

L’INAUGURAZIONE – Nella mattinata di domenica 12 ottobre è stato finalmente inaugurato il Parco del Tevere alla Magliana. Un’opera di sistemazione dell’area verde lungo il fiume attesa da tempo. Tra gli interventi la costruzione di rampe d’accesso e di un anfiteatro, dove si sono alternati il Presidente del Municipio XI, Maurizio Veloccia, il Sindaco Ignazio Marino e il vicesindaco Luigi Nieri.

IL PARCO DEL TEVERE – “Il Parco del Tevere di Magliana è, finalmente, una realtà e per noi un grande motivo di orgoglio – ha spiegato il Presidente Veloccia attraverso il suo profilo Facebook – Abbiamo lavorato senza sosta per rendere fruibile il parco il prima possibile e, grazie agli sforzi ed alla tenacia del Municipio, già da questa estate tutti i cittadini di Magliana, ma anche delle zone limitrofe, hanno potuto godere di questo magnifico spazio”. L’area interessata è di circa 9,5 ettari: “Un’oasi di verde in un quartiere di cemento, che la Magliana non ha mai avuto – seguita Veloccia durante l’inaugurazione – Il parco è aperto dal 6 agosto ma l’abbiamo inaugurato oggi, dopo aver completato alcune opere a corredo come la rampa che permette l’accesso ai disabili. Questa è un opera per cui il quartiere lotta da 30 anni. È stata finanziata nel 2008 ma in seguito ci sono stati molti problemi con la Regione che finanziava, specie con la giunta Polverini, poi l’iter si è sbloccato e il municipio l’ha realizzato”. Secondo il minisindaco questa iniziativa di recupero rappresenta la sola vera risposta al degrado dell’area: “Il recupero di quest’area golenale, dove prima insisteva un accampamento abusivo, conferma una nostra convinzione: l’unico modo concreto per evitare situazioni di degrado è recuperare le aree e rimetterle a disposizione dei cittadini, trasformandole attraverso nuove funzioni.
Oggi è una giornata di festa per Magliana e per la sua comunità”.