Home Municipi Municipio XI

Paris: “La Giunta Polverini al lavoro contro la citta’ di Roma”. Augusto Santori replica.

SHARE
gianni_paris

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del Presidente del XV Municipio Gianni Paris e la replica di Augusto Santori (Pdl).


“Appena insediata la nuova Giunta Regionale di Renata Polverini ha subito iniziato a lavorare contro la città di Roma ed i suoi abitanti. L’ Assessore alla Casa Teodoro Bontempo, infatti, ha dichiarato che il suo sogno è la demolizione di Corviale – afferma Gianni Paris – Con queste affermazioni il neo assessore dimostra l’assoluta mancanza di rispetto nei confronti di un quartiere che è ormai diventato simbolo in Italia del riscatto della periferia e soprattutto conferma di non conoscere quali sono gli orientamenti dei residenti del “Serpentone”. In un recente sondaggio condotto dal Laboratorio Municipale di Corviale, infatti, solo il 21% degli abitanti si è espressa in modo favorevole ad una ipotesi di abbattimento del complesso progettato da Fiorentini. Come sempre assistiamo al tentativo della Destra di trovare facili scorciatoie per eludere la soluzione dei problemi più rilevanti. Corviale è oggi un quartiere modello per servizi, trasporti e dotazione di verde. Come Municipio XV, d’intesa con il Campidoglio, in questi anni invece abbiamo lavorato con grande e convinto impegno proprio per il pieno recupero di Corviale, conseguendo risultati assolutamente rilevanti. E’ in questo quartiere che abbiamo trasferito alcune importanti funzioni ‘pregiate’, come la sede del Consiglio del Municipio, il Comando del XV Gruppo della Polizia Municipale, la sede del Servizio tecnico. A Corviale abbiamo creato il Centro Polivalente Campanella, con all’interno una moderna Biblioteca, una Scuola di Formazione, il Centro di Orientamento al Lavoro. Dal 2008 è in attività un grande impianto di rugby e recentemente il Municipio ha chiesto che Corviale possa ospitare alcune discipline sportive delle Olimpiadi del 2020 di Roma. Ora Corviale è un patrimonio ed un’opportunità per l’intera città e non certo una fonte di preoccupazione e su questo quartiere quale vogliamo continuare ad investire ancora nel futuro. Tra l’altro proprio l’ATER, grazie all’azione congiunta di Municipio, Comune e Regione condotta in questi anni, fra breve avvierà i lavori di sistemazione del 4° piano del complesso e le affermazioni di Bontempo non solo confermano l’assoluta ignoranza sulla realtà di questo quartiere, ma contraddicono anche questo importante lavoro di riqualificazione che l’ATER sta per realizzare.
E’ evidente che con queste premesse il nostro compito come Centrosinistra sarà di iniziare a lavorare subito  per “abbattere” la Giunta Polverini per difendere i diritti dei cittadini romani”.

Replica Augusto Santori (Pdl): “Ci chiediamo con quale mandato il Presidente del Municipio possa parlare a nome di tutti i residenti del territorio in maniera così irresponsabile, tanto da arrivare a richiedere l’abbattimento di una giunta regionale, democraticamente eletta dai cittadini a neanche poche ore dal suo insediamento”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV.
“Se questo è l’orientamento del Municipio – prosegue Santori – nei confronti del dialogo interistituzionale che dovrebbe costruttivamente contraddistinguere le Amministrazioni, anche di colore diverso, siamo veramente preoccupati: tale atteggiamento di ostilità è sintomatico di nervosismo e visione partigiana della cosa pubblica, che mette a repentaglio l’interesse collettivo di tutti i cittadini del Municipio XV”.

“In merito all’oggetto delle dichiarazioni del Presidente Paris – insiste Santori – parlare di un Corviale risanato significa tradire l’analisi oggettiva della realtà, fatta di servizi basilari gravemente carenti, quali ascensori, pulizia e manutenzione, nonché di servizi commerciali che tardano ad arrivare a causa della malagestione ATER registrata finora: manca un’edicola, il mercato rionale, servizi commerciali. Le strutture vi sono ma il centrosinistra ha preferito assegnare la maggior parte di spazi a realtà che svolgono attività culturali a carattere di autoreferenzialità, e cioè mai rivolte alla cittadinanza di Corviale, quanto nell’ottica di considerare questo quartiere come una realtà alla moda per lo sfogo artistico del talento radical-chic, di fatto tradendo chi il quartiere lo vive quotidianamente, anche purtroppo con le sue gravi e indubbie carenze”.