Home Municipi Municipio XI

Ponte Portuense, ci siamo: finalmente l’apertura

Restano dubbi sulla mobilità dell’area, si attende la sperimentazione

SHARE

PORTUENSE – Da anni i cittadini del quadrante Portuense-Marconi, assieme agli automobilisti che quotidianamente attraversano l’area, ascoltano annunci sulle tempistiche dei lavori per l’ampliamento del sottopasso ferroviario di via Portuense. In molte occasioni siamo tornati sui nostri passi, dovendo rettificare periodi e date per la riapertura dei cantieri. In questi giorni però sembra che i lavori siano veramente in via di conclusione. Al momento in cui scriviamo si stanno completando le operazioni per la stesura dell’asfalto, dopo la chiusura, soltanto temporanea, delle corsie centrali del sottopasso.

LE INFRASTRUTTURE – Negli ultimi mesi abbiamo analizzato in varie occasioni le difficoltà nella realizzazione di quest’opera, rilevando a più riprese la compartecipazione di numerosi fattori. Proprio in questo piccolo angolo di Municipio XI vanno a convergere tantissime infrastrutture vitali per i quartieri che lo circondano. A partire da una strada come la Portuense, fino alla ferrovia con la vicina Stazione Trastevere. Passando per un’importante conduttura del gas, un elettrodotto di alta e media tensione, la telefonia (che ha bloccato i lavori per diverso tempo), le fognature, l’illuminazione pubblica e una necropoli romana. “Ancora per qualche giorno ci saranno le corsie ridotte, per permettere la conclusione dei lavori per la raccolta delle acque – spiega l’Assessore municipale Giujusa – ma siamo agli ultimi accorgimenti”.

LA VIABILITÀ FUTURA – Il tempo stringe e l’apertura sarà confermata a giorni. Ma intanto si pensa già al “dopo”, a tutte le misure che dovranno essere messe in pratica per assicurarsi che l’opera in questione sia veramente risolutiva del traffico infernale cui sono abituati i cittadini della zona. “Se fossi in maggioranza il giorno successivo all’apertura convocherei una Commissione Mobilità congiunta con il Comune e con l’Atac per studiare la viabilità – afferma il Consigliere di Fdi, Daniele Catalano – Mi assicurerei che il collaudo delle due linee bus annunciate sia stato fatto e che possano partire al più presto. Inoltre con la Polizia Locale analizzerei tutte le criticità che comunque potrebbero continuare a presentarsi, soprattutto nelle ore di punta. La speranza è che i Consiglieri del M5S seguano questi consigli”. Abbiamo interpellato il Presidente della Commissione Mobilità, Marco Zuccalà, per capire quali saranno le prossime mosse: “L’apertura del sottopasso è una vittoria del M5S in questo municipio. E abbiamo già proceduto ad analizzare la viabilità dell’area in Commissione. Con l’apertura potremo capire quali saranno le criticità, andando a operare con una sperimentazione concordata con i tecnici. A quel punto potremo fare tutti gli aggiustamenti necessari a migliorare il traffico e i tempi di percorrenza tra i due quadranti separati dalla ferrovia”. Sulle criticità future è poi intervenuto anche Valerio Garipoli di Fdi: “Nonostante la prossima apertura rimangono molti dubbi sull’inopportunità del parcheggio adiacente e le tante criticità dal punto di vista della viabilità e del flusso di traffico. Dal senso di marcia di via Belluzzo e via Bianchi, alla mancata svolta da via Q. Majorana verso Marconi, sino allo spostamento della fermata bus direzione piazzale della Radio”. L’attesa è quindi per l’apertura e per le conseguenze sul traffico che si presenteranno e che dovranno essere amministrate. “Bisognerà lavorare sui progetti già studiati per l’allargamento dei tratti precedenti e successivi al sottopasso – aggiunge Gianluca Lanzi, Pd – altrimenti rischiamo soltanto di spostare l’imbuto poco più avanti”.

Leonardo Mancini