Home Municipi Municipio XI

Portuense: in Municipio XI si torna a parlare del Mercato di Vigna Pia

SHARE

PORTUENSE – Questa mattina la Commissione municipale Affari Generali, Bilancio e Attività Produttive, della quale il Pd con il Consigliere Claudio Barocci ha recentemente assunto la presidenza, è riuscita ad approvare all’unanimità (con l’astensione del M5s) un atto per cercare di sbloccare la vicenda del nuovo mercato di Viale Vigna Pia nel quartiere di Portuense. L’atto dovrà essere comunque discusso e approvato in Consiglio Municipale, dove potrebbe trovare l’opposizione dei consiglieri di maggioranza.

DALLA COMMISSIONE – È il consigliere Barocci (Pd) a parlare del testo approvato questa mattina: “Un atto forte, concreto per favorirne l’immediata apertura, reperire le risorse necessarie per completare alcuni banchi, garantire sorveglianza per evitare atti vandalici e prevedere l’inclusione di attività culturali e di somministrazione che lo rendano appetibile ai cittadini”.

LA VICENDA – Il progetto del nuovo plateatico è stato redatto da Risorse per Roma nel 2008, ma i primi fondi (circa 1 milione e 300mila euro) per la sua realizzazione sono stati sbloccati soltanto nel 2014, dopo essere stati congelati dal ‘Patto di Stabilità’. Con i ritardi nei lavori la preoccupazione era quella di non vedere risolti i problemi del vecchio mercato su via Portuense, da anni in sede impropria davanti al Forlanini, con non pochi problemi dal punto di vista igienico-sanitario e della viabilità. I lavori per rendere operativo il nuovo mercato di Vigna Pia sono stati ultimati il 19 gennaio 2017, mentre pochi giorni dopo (il 31 gennaio) il plateatico ha subito il collaudo statico. Purtroppo ancora si attende il collaudo tecnico, necessario per la consegna del bene al Dipartimento Patrimonio del Comune di Roma.

LE RICHIESTE – Gli operatori da tempo lamentano la mancata ultimazione di alcune opere ritenute necessarie per l’entrata in funzione del mercato. Lavori soprattutto inerenti al completamento dei banchi, senza i quali non sarebbe possibile ottenere le autorizzazioni della Asl. L’atto approvato dalla commissione, che ora dovrà trovare il voto positivo anche dell’aula, chiede di velocizzare l’iter per l’apertura del nuovo mercato e di svolgere “qualsiasi azione volta a preservare le strutture da eventuali atti vandalici, già avvenuti all’interno del mercato, anche attraverso sistemi di videosorveglianza.

SBLOCCATI I LAVORI – Di questo atto parla anche il capogruppo di Fdi e vice Presidente Vicario della Commissione Valerio Garipoli: “La Commissione era rimasta totalmente ferma su tale questione dopo la documentazione dell’Assessore lavori pubblici del 15 gennaio scorso che inoltrava al Dipartimento SIMU le richieste degli operatori, e dopo le recenti dimissioni della Presidente Maria Cristina Restivo del 14 giugno. Finalmente – seguita Garipoli – un atto concreto per la risoluzione della criticità a tutela dei residenti e degli operatori. Sarà nostra cura monitorare l’atto e la fattiva ed immediata presa in carico da parte degli uffici”.

Leonardo Mancini