Home Municipi Municipio XI

Preferenziale V.le Marconi: la Corsia preferenziale centrale simmetrica risulta vincitrice

Sono 1.493 i cittadini che hanno partecipato alla consultazione online

SHARE

LA VOTAZIONE – Lo avevamo già accennato nella giornata di ieri, grazie ai dati diffusi dal Gruppo Facebook Comitato di Quartiere Marconi, l’opzione progettuale più votata dai cittadini per la modifica della viabilità di viale Marconi è quello della Corsia preferenziale centrale simmetrica, la cosiddetta ipotesi N.7. L’ipotesi progettuale N.7 sembra contenere molti punti a suo favore, come la corsia preferenziale adatta anche ai tram, la pista ciclabile in entrambi i sensi di marcia e circa 280 parcheggi in fila ai lati della strada. Nonostante questo, l’unico elemento di criticità riguarderebbe il costo dell’intervento, definito di ‘media entità’. L’ipotesi prevede la preferenziale e la ciclabile su ciascuna carreggiata, nei due diversi sensi di marcia, al centro della strada (con gli alberi che restano dove sono ora). Su ogni carreggiata al traffico privato sono riservate due corsie per senso di marcia. Lateralmente a ogni carreggiata è disposta una fila di parcheggi, tranne nei punti in cui sono previste le nuove fermate degli autobus.

I RISULTATI – Nei giorni scorsi l’Amministrazione comunale aveva dato il via ad una consultazione online per ascoltare le opinioni dei cittadini sulla migliore ipotesi per la realizzazione di una doppia corsia preferenziale su viale Marconi. A comunicare i risultati della votazione è stato il consigliere comunale del M5S, Enrico Stefàno, che ha sottolineato come questi non siano vincolanti per l’amministrazione. “L’attività di questi giorni, il dibattito che si è creato, è stato molto importante per esaminare le ipotesi in corso, rilevando punti di forza e debolezza ed elaborare il risultato finale che potrebbe anche essere diverso dalle sette ipotesi oggetto del questionario”. Nelle parole del presidente della commissione Mobilità si evince che il confronto con i cittadini venga tenuto in maggiore considerazione rispetto alla votazione: “Ritengo infatti che il confronto con i cittadini e le procedure di democrazia diretta siamo fondamentali, ma sta poi alla politica realizzare la sintesi ed avere una visione complessiva – seguita – Andiamo avanti con un punto comune fondamentale: la città deve essere ridisegnata ponendo al centro la mobilità pedonale, ciclabile e il trasporto pubblico”.

LA DIVISIONE DEI VOTI –  I partecipanti alla votazione sono stati 1.493 e l’opzione più votata è stata la settima, la ‘Corsia preferenziale centrale simmetrica’ con 1.046 voti. Le altre opzioni riguardavano la Corsia preferenziale laterale (40 voti), la Corsia preferenziale parziale (2 voti), la Corsia centrale (64 voti) la Corsia centrale e diversa disposizione della sosta (38 voti), la Corsia preferenziale a sensi unici (61 voti) e la Corsia preferenziale laterale a doppio senso (242 voti). Nei prossimi giorni verranno anche comunicati i dati dei votanti suddivisi per territorio, e su questo sarà interessante fare un’analisi.

Leonardo Mancini

SHARE