Home Municipi Municipio XI

Pup Fermi: approvata risoluzione al Municipio XV

SHARE
pupfermi

Il Consiglio del Municipio XV ha approvato ieri una risoluzione presentata congiuntamente da Pdl e Sel per interrogare il Sindaco sulla calendarizzazione della delibera 38 di iniziativa popolare che prevede l’annullamento del Pup Fermi.


“Un Pup – ha dichiarato in una nota Riccardo Micheli, del Comitato No Pup Fermi – contro il quale ci stiamo battendo da quasi due anni. Dispiace per l’atteggiamento della maggioranza, rappresentata dal Pd, che ha rallentato la decisione del Consiglio municipale cercando di opporre meri aspetti politico-procedurali della questione, alla fine optando in parte per l’astensione (in totale 10 favorevoli e 3 astenuti) e per l’assenza del Presidente Paris, che ha mancato un’altra volta l’occasione per potersi esprimere su un argomento tanto delicato. In attesa della risposta del Sindaco – ha continuato Micheli – e della conferenza dei capigruppo all’Assemblea capitolina, la risoluzione rappresenta comunque un segnale di sostegno alla nostra delibera da parte del Municipio XV, per il quale ringraziamo i rappresentanti del Pdl e di Sel che l’hanno presentata e sostenuta”.

E’ intervenuto sulla vicenda anche Marco Palma, Consigliere Pdl al Municipio XV: “Ieri, dopo diversi tentennamenti in conferenza dei presidenti di gruppo per la calendarizzazione, ho deciso di presentare l’atto per poterlo discutere e votare in consiglio. Sono rimasto sorpreso, ma non più di tanto, dall’atteggiamento di parte del gruppo del Pd che ha osteggiato in ogni modo l’inserimento alla discussione odierna e palesando questa posizione con il voto di astensione finale. Nella sostanza non si sono voluti pronunciare sulla richiesta al Sindaco di Roma sul sollecito alla calendarizzazione della Delibera di iniziativa Popolare che chiede la cancellazione del pup di via Enrico Fermi. E’ una vicenda che si trascina da un paio di anni, un progetto che i cittadini non vogliono e che, da qualche settimana, inizia ad avere degli strascichi legali con richieste di risarcimento danni nei confronti di testate giornalistiche e comitati di quartiere che poco hanno a che fare con il confronto. Mi auguro – conclude Palma – che torni a prevalere il buonsenso e la volontà popolare che, lo ricordo, è anche la volontà politica”.

Serena Savelli