Home Municipi Municipio XI

Scuole: quali gli interventi previsti per il Municipio XI?

SHARE
scuola muratella 6

I fondi? Oltre alle risorse ordinarie sono molte le linee di finanziamento parallele

Continuiamo il nostro tour delle scuole di Roma sud-ovest. Questo mese ci occupiamo del Municipio XI, territorio dove sono molti gli istituti scolastici, alcuni dei quali già presi in esame da Urlo. Una buona notizia è arrivata per la scuola di via Allievi a Ponte Galeria: la struttura, edificata e poi donata alla città da un privato, nell’attesa della sua acquisizione a patrimonio da parte di Roma Capitale, era rimasta inutilizzata per diverso tempo. A metà del mese scorso la notizia dell’inaugurazione; è stato grazie al sostegno della Giunta Marino – ci dicono dal Municipio – che sono stati individuati i fondi, “280mila euro messi a disposizione dall’Assessorato alle Politiche Educative capitolino, per completare gli ultimi lavori e predisporre la struttura ad ospitare una scuola dell’infanzia, assicurare la fornitura degli arredi necessari ed inserire la scuola fra le nuove strutture educative”. Non positive invece le novità per la scuola di via Pinsuti a Muratella, un’opera la cui costruzione venne lasciata a metà nel 2008 dopo il fallimento della ditta che aveva in mano la sua edificazione. Dopo la consegna dei lavori ad un’altra ditta, i fondi vennero bloccati dal Patto di Stabilità. I cinque anni di abbandono seguiti hanno gettato la struttura nel degrado: la speranza si era riaccesa all’inizio dell’anno con lo sblocco dei fondi ma l’illusione si è spenta presto. Al momento – ci ha detto l’Assessore ai Lavori Pubblici con delega alla manutenzione scolastica del Municipio, Marzia Colonna – sono in corso le operazioni per individuare gli interventi necessari per riaprire il cantiere e il Municipio sta facendo sforzi affinché i lavori inizino il prima possibile. In merito all’eventuale ridimensionamento del progetto determinato dalla scarsità dei fondi, l’Assessore dice: “Non vogliamo rinunciare né alla scuola d’infanzia né al nido, entrambi importanti per quel territorio”.

Ad oggi i fondi per l’edilizia scolastica nel Municipio ammontano a circa 8milioni di euro; la cifra comprende le risorse destinate alla manutenzione ordinaria (che da sole sarebbero insufficienti) e quelle aggiuntive derivanti anche dalla partecipazione a bandi. La Colonna pone l’accento sulla mole di lavoro da affrontare e sul ritardo derivante dalla scarsa attenzione che la precedente Giunta comunale avrebbe rivolto al tema della manutenzione scolastica: “In cinque anni la cifra ad essa destinata è stata pari a 55milioni, somma inferiore a quanto speso dall’attuale Amministrazione in un anno per la stessa causa. Per questa ragione sono state cercate linee di finanziamento parallele”. Per esempio, attualmente sono in corso i lavori alla scuola Caproni in via Solidati Tiburzi, i cui fondi derivano dalla partecipazione ad un bando nell’ambito del “Decreto del fare” del Governo Letta per la messa in sicurezza e le bonifiche dell’amianto. Fondi regionali sono invece quelli provenienti dal bando sull’Efficientamento Energetico e dal Programma Straordinario della Regione Lazio. Gli istituti vincitori del primo sono il nido e la scuola dell’infanzia di via Pescaglia, la scuola media di via Gherardi e la scuola elementare Pirandello di via Cutigliano. I progetti partecipanti al Programma straordinario della Regione sono quelli che interessano la Fratelli Cervi di Ponte Galeria, la Via delle Vigne a Colle del Sole e la Giovanni Pascoli a Marconi e riguardano una parte di ristrutturazione, l’adeguamento delle strutture alle norme antincendio e la riduzione del rischio sismico. Per entrambi i bandi, i fondi e i lavori verranno gestiti dalla Regione in accordo e relazione con il Municipio e il dipartimento SIMU capitolino, ci dice l’Assessore. Per il primo dei due è già stata resa pubblica la graduatoria dei progetti vincitori e sono in atto i sopralluoghi per definire i progetti esecutivi e partire con i cantieri. Differente è lo stato dell’iter per il secondo, più indietro ad oggi nei tempi, che prevede in media l’assegnazione di circa 2,5 milioni di euro ad ogni Municipio: i progetti – seguita l’Assessore – sono stati presentati a novembre 2013, oggi si attende la pubblicazione delle graduatorie che dovrebbe avvenire a breve. “Mi dispiace constatare come tutt’oggi i criteri per l’affidamento dei fondi non siano stati ancora comunicati né tantomeno sia stata predisposta una graduatoria di assegnazione chiara e trasparente”, dichiara Fabrizio Santori, Consigliere della Regione Lazio, che seguita: “Avevo predisposto già dal mese di luglio un’interrogazione scritta per chiedere a Zingaretti in che modo tali fondi venivano suddivisi tra i Comuni e i criteri di assegnazione. Ancora sono in attesa di risposta. Sulla gestione dei fondi vigilerò affinché questa procedura non appesantisca ulteriormente la macchina amministrativa regionale, se c’è decentramento l’iter burocratico e amministrativo deve essere demandato all’ente di prossimità. L’obiettivo deve essere quello di velocizzare l’iter per intervenire sulle scuole che cadono a pezzi. La sinistra deve smettere di incartarsi con la burocrazia e dare risposte concrete”, conclude Santori.

Sulla questione è intervenuto Alessio Marini, Consigliere del Movimento 5 Stelle al Municipio XI, che accusa l’Amministrazione municipale di aver prima bocciato la proposta di partecipare al bando del M5S e poi di aver presentato, pochi giorni dopo, la richiesta rivendicando la paternità dell’iniziativa: “Questo è ciò che emerge dall’accesso agli atti che abbiamo fatto. Il 19 settembre 2013 il M5S ha presentato una mozione con carattere di urgenza per partecipare ad un bando regionale per l’Efficientamento Energetico di edifici scolastici. All’epoca però la nostra proposta venne respinta”. Accuse pesanti quelle del Consigliere che conclude: “Tre plessi scolastici saranno ristrutturati solo grazie alla prontezza e la competenza di attivisti e portavoce del M5S”. Immediata la reazione del Presidente del Municipio, Maurizio Veloccia, che commenta: “La partecipazione al bando è avvenuta con ben 11 progetti presentati dal Municipio, di cui ben 6 risultati vincitori: 3 finanziati e 3 idonei. Un risultato straordinario visto che a Roma solo 12 sono stati finanziati. La preparazione a questo bando è durata diverse settimane, con un lavoro assiduo dei nostri tecnici. L’unico apporto del M5S a questo lungo lavoro è aver fatto, qualche giorno prima della scadenza del bando, una mozione per ricordarne l’esistenza e proporre l’adesione. Abbiamo risposto: ‘grazie, già fatto’. È il classico modo della vecchia politica per tentare di ‘mettere il cappello’ su una iniziativa da tempo avviata. C’è chi fa le mozioni, chi fa gli ‘atti’ e chi, invece, fa i fatti: questa è la differenza”.

Molti anche gli interventi più piccoli ma importanti effettuati su altri plessi nel Municipio XI, come quello che ha interessato il nido Aquilone Blu a Marconi dove è stato realizzato un nuovo incapsulamento dell’eternit e dove nel mese di dicembre (durante il periodo della pausa natalizia) verranno conclusi piccoli interventi di manutenzione. E ancora, al nido Ciclamino in via Belluzzo (Portuense) sono stati realizzati lavori per rinforzare il solaio del piano terra e del seminterrato; alla Scuola Capponi di via Pantaleo Campano è stata realizzata la sistemazione del tetto, alla scuola Gramsci è in corso la risoluzione del problema delle infiltrazioni di acqua dal tetto mentre alla Quartararo di Magliana, dopo gli incendi subiti, l’intervento è stato volto al ripristino dell’agibilità dei locali e alla messa in sicurezza dell’edificio.

Pubblicato su Urlo n. 119 – novembre 2014

Anna Paola Tortora