Home Municipi Municipio XI

Teatro India: una fabbrica delle arti aperta a tutti

SHARE
india rid

Spettacoli e progetti per i residenti del quartiere

LA CONVENZIONE – E’ stata presentata, nella sede del Teatro India di Lungotevere Gassman, la convenzione siglata tra Teatro di Roma e Municipio XI, impegnati reciprocamente per sostenere e promuovere il valore sociale e la funzione culturale del Teatro sul Territorio. Due istituzioni pubbliche che aprono un importante capitolo per la città di Roma che vedrà il Teatro India diventare un centro di produzione, ricerca e formazione, e arricchire il Municipio che lo ospita di un luogo delle arti aperto a tutti, per offrire la possibilità di avvicinarsi alla cultura e contribuire a migliorare la qualità della vita nel quartiere. Un impegno per la collettività e la valorizzazione del territorio che si concretizza con la convenzione siglata tra Teatro di Roma e Municipio XI per rilanciare il Teatro India e favorire un rapporto più proficuo con il territorio. L’accordo prevede tre progetti di promozione e attività dedicate esclusivamente ai residenti del Municipio.

IL PRIMO APPUNTAMENTO – Il primo appuntamento è stato ieri, domenica 23 novembre (dalle ore 17.30) con la Festa del Teatro India che offre al quartiere lo spettacolo che vede protagonista un attore di grande spessore come Leo Gullotta per un testo originale che è un canto d’amore per la nostra Terra, In viaggio verso un nuovo mondo, scritto da Teresa Pomodoro, con le musiche dal vivo DI OriQuartet. Lo spettacolo – prodotto dallo Spazio Teatro NO’HMA Teresa Pomodoro di Milano – sarà replicato lunedì 24 novembre alle ore 21.00. Per ciascuna delle due rappresentazioni saranno riservati dei posti per i residenti del territorio.

TEATRO A KM0 – Si prosegue con il progetto Teatro a Km Zero, una speciale formula dedicata ai residenti del Municipio che offre la possibilità di scegliere tra due tipologie di riduzioni: l’India TKZ Card XI Municipio al costo di 35,00 € per 5 spettacoli a scelta, una carta promozionale a scalare, utilizzabile anche da più persone per lo stesso spettacolo, fino a esaurimento dell’importo. La scelta del giorno e del posto può essere fatta per telefono, via internet o direttamente presso le biglietterie dei Teatro India e del Teatro Argentina, anche la sera stessa. La card non è ricaricabile e si esaurisce con la fine della stagione in corso; in alternativa, sempre per i soli residenti dell’XI Municipio è stata creata la tariffa a 10,00 € del singolo biglietto (anziché 18,00 €). Mentre A teatro con i tuoi è la convenzione riservata agli studenti di tre Istituti superiori del Municipio (Liceo Scientifico Keplero, e ITIS Colomba Antonietti e Liceo Ginnasio Eugenio Montale). Gli studenti potranno usufruire di biglietti low cost per spettacoli a scelta, a 5,00 euro. Unico requisito: portare altri 2 familiari o amici che saranno ospiti del Municipio e del Teatro di Roma.

TEATRO E TERRITORIO – Si tratta, dunque, di tre interventi promozionali per favorire e sostenere un rapporto più proficuo del Teatro con il Territorio, partendo proprio dal progetto di ristrutturazione e riallestimento che interessa gli spazi del Teatro India, riaperto a settembre dopo la chiusura dal dicembre 2012 per la realizzazione dei lavori di manutenzione. Così, l’incontro di intenti e la sinergia di forze congiunte tra il Teatro di Roma e Municipio XI mettono a disposizione del pubblico nuove possibilità di fruizione e diverse modalità di accesso al teatro. Un intervento di importante valenza simbolica per la città che torna a riappropriarsi di una articolata e polivalente area di produzione culturale. Un luogo identitario, accogliente e funzionale, restituito ai cittadini e rinnovato anche nella forza attrattiva.

L’IMPORTANZA SOCIALE DEL TEATRO – “Il teatro è l’arte sociale per eccellenza e da sempre è specchio delle comunità degli uomini, che sui palcoscenici osservano la loro vita stessa. Il Teatro India deve diventare un punto di riferimento per tutto il territorio dell’XI Municipio. Una antica fabbrica riconvertita alle arti, allo spettacolo, ai saperi, alla creatività e alla conoscenza aperta ai cittadini che vivono su questo territorio e che qui potranno trovare, col tempo, occasioni di svago e di crescita, di confronto e di formazione – commenta il Direttore del Teatro di Roma Antonio Calbi – Teatro a Km Zero e A teatro con i tuoi, sono gli strumenti per attivare una relazione nuova fra potenziali nuovi spettatori e teatro. In un momento in cui i quartieri, i territori più periferici delle città esprimono forti tensioni, sintomi di una sofferenza e un disorientamento ampi e profondi, il Teatro deve rinnovare la propria missione civile e il proprio senso etico. È questa l’azione comune che abbiamo attivato con l’XI Municipio e con il suo presidente, Maurizio Veloccia, che voglio qui ringraziare”.

TEATRO INDIA FIORE ALL’OCCHIELLO – E aggiunge il Presidente del Municipio Roma XI, Maurizio Veloccia “il Teatro India è un fiore all’occhiello nell’offerta culturale di Roma, per questo ci siamo impegnati affinché le opere di ristrutturazione, che hanno interessato la struttura di Lungotevere Gassman, fossero terminate il prima possibile e l’India riaperto al pubblico – e continua – Grazie allo slancio impresso dal nuovo Presidente del Teatro di Roma, Marino Sinibaldi e dal Direttore Antonio Calbi, siamo riusciti a riaprire il Teatro offrendo una programmazione molto interessante, innovativa ed impegnata. Abbiamo avviato, inoltre, un’importante collaborazione per creare una sinergia tra il Teatro e il territorio: per la prima volta il Teatro di Roma ha messo a disposizione dei residenti del Municipio una serie di promozioni per usufruire dell’offerta culturale dell’India a condizioni molto vantaggiose. Abbiamo trovato subito un’ottima intesa con i vertici del Teatro di Roma, che voglio ringraziare. Il Municipio continuerà a fare la sua parte, destinando risorse a queste tipo di iniziative per la promozione della cultura, perché siamo convinti che la cultura sia una risorsa a cui attingere per migliorare la qualità della vita dei nostri quartieri”.