Home Municipi Municipio XI

Trullo: si torna a parlare di una Caserma nell’ex scuola Baccelli

SHARE
ex scuola baccelli

Arriva da FdI l’interrogazione parlamentare sul rafforzamento dei presidi di polizia

LA CASERMA AL TRULLO – Anche il Trullo potrebbe avere la sua Caserma dei Carabinieri. Ne sono convinti gli esponenti di FdI dopo l’interrogazione parlamentare presentata dal capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera Fabio Rampelli e Giorgia Meloni, per trasformare l’ex scuola Baccelli nella nuova caserma dei Carabinieri a Monte Cucco, nel Municipio XI. “L’interrogazione al Ministro dell’Interno – spiegano il consigliere regionale Fabrizio Santori, e Francesco Figliomeni di FdI Roma- chiede chiarimenti sull’accordo sottoscritto il 10 marzo 2016 tra Viminale, Comune e Prefettura di Roma che prevedeva il rafforzamento dei presidi delle forze di polizia nella capitale e la concessione in comodato gratuito da parte del Comune di Roma di alcuni stabili da destinare a Carabinieri e Polizia di Stato”.

LA SCUOLA BACCELLI – “Siamo curiosi di vedere come il Ministero dell’Interno così come indirettamente le istituzioni locali risponderanno ai contenuti dell’interrogazione, in quanto sono gli stessi che, dopo aver individuato l’immobile in questione da concedere all’Arma dei Carabinieri, non hanno più proseguito un percorso costruttivo volto alla realizzazione dell’opera – affermano in una nota Augusto Santori e Daniele Catalano di Fratelli d’Italia Municipio XI – Fatto sta che tutti i cittadini del Trullo e del Municipio XI chiedono a gran voce la creazione di un nuovo presidio delle forze dell’ordine al fine di garantire maggiore sicurezza e controllo”.

UNA VECCHIA PROPOSTA – La richiesta di una nuova Caserma al Trullo era stata già avanzata in passato, proprio in relazione alla percezione di sicurezza dei cittadini del quadrante: “Un nuovo presidio delle forze dell’ordine – spiega il consigliere municipale Valerio Garipoli – rientra appieno nelle richieste fatte dal sottoscritto come Capogruppo di Fratelli d’Italia in Municipio XI in occasione della manifestazione sulla sicurezza del 26 marzo 2014 nel quartiere del Portuense. Dalla stessa scaturì una mozione – CP/25153 del 26/3/2014 ferma in posta in giacenza della Conferenza dei Presidenti di Gruppo – con la quale si chiedeva anche il ripristino del poliziotto di quartiere e il finanziamento di un sistema di videosorveglianza – conclude Garipoli – Ci auguriamo quindi dopo l’interrogazione parlamentare un importante intervento da parte dei soggetti interessati per lo stanziamento delle risorse necessarie per la riqualificazione dello stabile e la assegnazione di quest’ultimo al Comando dei Carabinieri”.

LeMa