Home Municipi Municipio XI

Tutti i Pup del quadrante Marconi: a che punto siamo?

SHARE
pupfermi

Nel nuovo elenco del Comune non menzionati i Pup Fermi e Meucci ma c’è quello di piazzale della Radio

 

MARCONI – Nel Municipio XI, zona Marconi, sono 3 i Pup previsti: uno, il più famoso, in via Enrico Fermi, un altro, anch’esso noto, a piazzale della Radio, ed un altro ancora, forse il meno conosciuto, a piazza Meucci. Ma nel nuovo elenco di 39 interventi di questo tipo resi noti dall’Assessore ai Trasporti e alla Mobilità di Roma Capitale, Guido Improta, non sarebbero più compresi quelli di Fermi e Meucci. Il primo potrebbe quindi essere accantonato ma, come vi abbiamo accennato nei numeri scorsi, è anche probabile che sia in uno status amministrativo così avanzato da non avere il bisogno di essere citato. Sul secondo, invece, si hanno buone possibilità che venga archiviato. Quello di piazzale della Radio, invece, vista l’infattibilità del fastoso progetto previsto, che prevedeva una vasca, un maxischermo e una struttura in legno, è in attesa di essere ripensato. Ci ha riassunto la situazione Riccardo Micheli del Comitato No Pup Fermi: “Da due anni a questa parte, sul Pup Fermi, non è cambiato nulla. Nell’elenco dell’Assessore Improta questo intervento e quello di piazza Meucci non compaiono, mentre c’è quello di piazzale della Radio. Per tutti e tre, comunque, siamo in alto mare”. Micheli ci parla delle criticità che i vari progetti avrebbero e, quindi, dei motivi per cui il Comitato si oppone da tempo agli stessi. “Sotto piazza Meucci, che sarebbe l’intervento più piccolo tra i tre, passa un ruscello, una marana che parte da Donna Olimpia, e che dunque crea una problematica. Su piazzale della Radio, il Pup più grande, inizialmente ci fu da risolvere il fatto che al di sotto sussiste un grande collettore fognario. Ora la Cam, che realizzerà tutti e tre i parcheggi, dovrà ripresentare un nuovo progetto a breve”. Il Comitato si oppone a questi progetti in primis perché non esiste l’esigenza di nuovi posti auto in zona, visto che esistono due parcheggi, “a via Blaserna, pronti ed inaugurati due volte e mai aperti. Intanto si potrebbero utilizzare quelli che, dopo quattro anni, sono ancora in stato di abbandono. Poi c’è il discorso della sicurezza, perché i progetti non tengono conto né delle falde acquifere che passano sotto via Fermi né della classificazione sismica della zona. Sono vecchi e andrebbero adeguati alle nuove normative vigenti. Un altro problema importante è quello delle alberature, che in zona sono le uniche esistenti”. Quindi il “no” del Comitato è fermo e deciso. Maurizio Veloccia, Presidente del Municipio XI, è intervenuto su questi punti partendo dalla notizia della mancata menzione dell’intervento di via Fermi nell’elenco di Improta: “Il Pup Fermi deve essere archiviato. L’assenza di questo parcheggio tra quelli prioritari non può che farci piacere, a riprova del fatto che l’amministrazione comunale ha recepito la richiesta del Municipio di fare in modo che tale intervento fosse annullato”. Per quel che riguarda i parcheggi di via Blaserna chiusi e in stato di abbandono il Presidente afferma che “è stato effettuato un bando pubblico e l’affidatario, nelle prossime settimane, prenderà in consegna le aree per poterne predisporre l’apertura”. Su piazzale della Radio Veloccia conferma che l’intervento vada pensato in modo diverso rispetto al progetto iniziale: “La convenzione firmata a giugno prevede che debba essere ripensata l’intera sistemazione superficiale dell’area. È volontà del Municipio avviare anche per questo intervento un tavolo di partecipazione cittadina, così come già fatto nel quadrante Marconi per il parco Papareschi”. Intanto dall’opposizione arrivano delle aspre critiche sul fatto che i Pup di zona ormai siano argomento di cui non si parla più. “Su Fermi non abbiamo ancora notizie sulla calendarizzazione della petizione popolare – ha dichiarato Marco Palma, Presidente del Gruppo consiliare FI al Municipio XI, riguardo alla delibera di iniziativa popolare 38/2012 dove si chiede l’annullamento dell’intervento – e lo trovo davvero grave. Su piazzale della Radio c’è una sostanziale situazione di stallo. Di piazza Meucci non si sa nulla. Insomma, dei Pup non ne parla più nessuno. Sicuramente c’è un immobilismo da parte della politica e, in secondo luogo, influisce anche la crisi economica che non colpisce solo le famiglie ma anche gli imprenditori, che non vedono più guadagni rilevanti sui box auto”.
Insomma, la situazione sembra sospesa. L’unico progetto che sembra possa sbloccarsi a breve è quello di piazzale della Radio, per cui il costruttore dovrebbe proporre un nuovo progetto a breve che, speriamo, quantomeno sia condiviso con la cittadinanza.

Serena Savelli