Home Rubriche Go Green

Una nuova sede per l’Associazione AEDUCA?

La segnalazione dell'Associazione ambientalista di Magliana che potrebbe perdere la propria sede storica

SHARE

MUNICIPIO XI – Riceviamo a lettori@urloweb.com una lettera dell’Associazione A.EDUC.A. Città Vivibile Onlus, in merito al destino della sede affidata ai volontari.

Adducendo motivi di carattere emergenziali (comparsi dopo anni di riconosciuti sacrificio e impegno sul territorio dei volontari A.EDUC.A.), i vertici M5S al comando del municipio XI avrebbero deciso di sfrattare dalla sede l’associazione A.EDUC.A. CITTA’ VIVIBILE onlus (Associazione di Educazione Ambientale) alla quale sei anni fa l’ex presidente Dott. Gianni Paris aveva dato la sede di via Greve, 63 per riconosciuti motivi di encomiabili prestazioni che l’associazione fin dalla sua creazione nel dicembre 2007 aveva dato e continuava a dare in favore del territorio e dei suoi BENI COMUNI. In un documento che il presidente dell’associazione Bertolani ha voluto intitolare (A.EDUC.A. “LA NOSTRA STORIA”, sono messe in risalto le molteplici attività per le quali i volontari si impegnano quasi quotidianamente con iniziative in collaborazione con Legambiente, la Parrocchia San Gregorio Magno, il CSV Lazio e le poche associazioni ambientaliste del territorio per riqualificare il verde pubblico del quartiere Magliana, incontri con i ragazzi delle scuole che si concretizzano con lezioni teorico pratiche su temi quali raccolta differenziata dei rifiuti, educazione civica, benessere animale, risparmio energetico, comportamento di cittadinanza attiva perseguendo sempre l’obiettivo di migliorare, nel rispetto dell’ambiente, la qualità della vita nel quartiere. A.EDUC.A. è stata considerata meritevole del Premio Arvalia nel 2014 dagli allora amministratori municipali (ex Presidente Dott. Veloccia oggi all’opposizione).

L’associazione si è impegnata con progetti di riqualificazione ambientale quali “Facciamo del nostro quartiere un giardino” cofinanziato dalla regione Lazio ed ha presentato, a suo tempo, un progetto di riqualificazione di un’area verde golenale di ca. 10.000 mq. A breve verrà presentato un nuovo progetto denominato C.A.D.E.R.A. (Centro di Agronomia Didattica e Ricognizione Ambientale) “ Il giardino dell’altra Magliana”

Motivi di carattere emergenziale, accennati in apertura, sarebbero la necessità di ristrutturare le cucine dell’asilo nido “L’Araba Fenice” di via Greve e la creazione di una via di fuga supplementare a quella oggi esistente diventata insufficiente; il presidente di A.EDUC.A. Bertolani afferma “riconosciamo e rispettiamo la necessità del Municipio di ristrutturare l’asilo nido, ma questo non deve avvenire a discapito della nostra organizzazione : si decida prima dove trasferire la sede A.EDUC.A. e poi si calendarizzino le varie attività di progettazione e ristrutturazione. È straordinariamente ingiusto dare un simile “benservito” ad una associazione(nel 2008 unica associazione onlus ambientalista nel quartiere Magliana) che ha dimostrato di avere sempre svolto le proprie attività nell’interesse del BENE COMUNE con grande impegno di puro volontariato, servendo spesso da stampella di sostegno alle tante carenze presenti, di volta in volta, nelle Istituzioni deputate al controllo e gestione del territorio (includendo in queste AMA e Polizia municipale). L’insufficienza di sani valori nell’odierna società, prosegue il presidente di A.EDUC.A., non si cura demotivando il volontariato perché è come voler curare una pianta recidendone i rami ancora verdi anziché quelli secchi.

Continuate ad inviarci le vostre segnalazioni a lettori@urloweb.com