Home Municipi Municipio XI

Via Isacco Newton: tornano gli insediamenti abusivi

SHARE
accampamento newton 3

La denuncia di FdI: “Accamparsi è un reato non servono altre leggi basta applicare quelle che ci sono”

TORNANO GLI INSEDIAMENTI ABUSIVI – Nuove denunce sugli insediamenti abusivi su via Isacco Newton. Arteria importantissima e trafficata, che avrebbe bisogno di maggiore controllo. La denuncia arriva, ancora una volta, dagli esponenti di FdI: “Sembra non finire mai la storia infinita degli insediamenti abusivi a Via Newton, neanche il tempo di sgomberarli che dopo pochi giorni altre baracche vengono ricostruite”, affermano in una nota il consigliere al Municipio XI, Valerio Garipoli ed il responsabile romano enti locali Federico Rocca. 

accampamento newton 2

NON SERVONO ALTRE LEGGI – Il problema, come ricordato dagli esponenti di FdI, non starebbe nell’azione di sgombero, quanto nell’impedire il riformarsi di insediamenti abusivi nelle stesse aree: “Il problema va risolto alla radice, innanzitutto il degrado della zona non fa che favorire tali insediamenti e poi questa gente va rimandata al proprio paese. Comunitari o extracomunitari che siano non si può consentire che diano vita a baraccopoli in ogni anfratto della città – seguitano Rocca e Garipoli – A volte sono sempre gli stessi che vengono semplicemente allontanati e poi ritornano. Accamparsi abusivamente è un reato non servono altre leggi basta applicare quelle che ci sono”.

accampamento newton 1

RICHIESTE MAGGIORI INDAGINI – La richiesta avanzata da Garipoli e Rocca, oltre al tempestivo intervento delle Forze dell’Ordine, prevede anche una serie d’indagini di natura fiscale, per accertare la provenienza delle fonti di sostentamento degli occupanti: “Dalle foto si vede anche l’automobile dei villeggianti comodamente parcheggiata sul marciapiede, se non ricordo male in altre situazioni arrivano i carri attrezzi o questi si muovono solo per le nostre auto? Chiediamo alle autorità di sgomberare immediatamente l’insediamento e di valutare la possibilità di sequestrare gli autoveicoli posseduti anche perché se vivono in una baracca come si sono comprati le autovetture? Da dove provengono quei soldi? Anche per questo ci chiediamo ma gli accertamenti fiscali valgono solo per i cittadini che pagano le tasse?”, si chiedono gli esponenti di FdI.

LE PRECEDENTI DENUNCE – Non è la prima volta che il gruppo di FdI denuncia la presenza di questi insediamenti, infatti già il 30 settembre scorso questa vicenda era stata oggetto di comunicazione “a Veloccia al Presidente del XII C. Maltese oltre che ai Gruppi di Polizia Locale XI e XII, ai servizi sociali e all’Ama per una celere azione di sgombero ed una bonifica dell’area – concludono Garipoli e Rocca – È ora di cambiare rotta se vogliamo mettere fine a questo fenomeno che non si può risolve a colpi di buonismo ma con il rispetto delle regole e l’applicazione delle sanzioni”.

LeMa