Home Municipi Municipio XI

Vigna Pia: il nuovo mercato aprirà tra qualche giorno

Alcuni dettagli ancora da mettere a punto per alcuni banchi, ma il plateatico è pronto

SHARE

Tratto da Urlo n.166 Marzo 2019

PORTUENSE – Il mercato Vigna Pia è in dirittura d’arrivo. Al momento in cui scriviamo l’apertura sembra essere prossima, anche se ancora non è stata stabilita una data certa. Gli interventi sono quasi tutti terminati, mancherebbero solamente qualche allaccio alle utenze e l’allestimento di alcuni banchi. Il mercato Portuense (da cui provengono gli operatori) è stato chiuso il 4 marzo, data di scadenza dell’ultima proroga concessa dalla Asl, e da quel momento i commercianti (per ora inattivi) si stanno dedicando appieno al completamento degli ultimi dettagli.

SODDISFAZIONE DEGLI OPERATORI – A darci le recenti notizie è il Presidente dell’AGS del Mercato Vigna Pia, Sirio Bianchi: “Stiamo lavorando velocemente per allestire i banchi e per poter aprire nei prossimi giorni. Una data precisa ancora non la abbiamo ma è davvero a stretto giro”. Attualmente gli operatori hanno dovuto chiudere le loro attività di via Portuense e sono in attesa di aprirle nuovamente a Vigna Pia. Un tempo di inattività, questo, dovuto a qualche ritardo nell’allaccio delle utenze in alcuni banchi. Un periodo “comunque necessario per allestire gli spazi – ha continuato Bianchi – ma il mercato sta venendo bene e siamo molto contenti. Attendiamo l’apertura con grande entusiasmo”.

DAL MUNICIPIO – Anche Giacomo Giujusa, Assessore ai Lavori Pubblici al Municipio XI, ha confermato che il mercato è prossimo all’inaugurazione: “I ritardi sono stati dovuti da alcune problematiche relative a delle infiltrazioni e da qualche banco che sta finendo di mettere a punto le utenze elettriche, diverse per ogni attività in base alle singole esigenze”. Probabilmente quest’ultimo inconveniente sarebbe potuto essere evitato, secondo Giujusa, se gli operatori si fossero organizzati meglio e avessero fatto le richieste del caso nei tempi giusti: “I ritardi non sono direttamente imputabili alla direzione tecnica, noi come parte politica abbiamo sempre provveduto a sollecitare tutti – ha continuato Giujusa – ma ora mancano davvero pochi giorni all’apertura”.
Il nuovo plateatico ha tutte le caratteristiche giuste per poter funzionare. È dotato di parcheggi per i clienti e per il carico e scarico delle merci degli operatori, ha bagni divisi per l’utenza e per i commercianti, e sicuramente ha delle strutture più moderne e adeguate rispetto alla vecchia sede di Portuense. Non tutti i box saranno occupati per il momento (alcuni titolari delle attività hanno infatti deciso di non accedere a Vigna Pia) e si provvederà, nel tempo, a sistemare la parte esterna al mercato, intervenendo sulle alberature, i marciapiedi e le strade. Altro tema che in futuro dovrà essere affrontato sarà “lo smaltimento dei vecchi box di via Portuense – ha continuato l’Assessore Giujusa – operazione che sarà a carico degli operatori. Inoltre bisognerà capire come collocare le cosiddette ‘rotazioni’, ovvero quei banchi autorizzati che aprono alcuni giorni la settimana, ma che non potranno trovare collocazione dentro il nuovo mercato e oggi ancora sono a via Portuense”.

IL PERIODO DI TRANSIZIONE – “Esprimo grande insofferenza e perplessità verso la decisione di voler chiudere il mercato Portuense prima che la nuova sede di Vigna Pia sia realmente nelle piene disponibilità degli operatori del mercato – ha dichiarato Daniele Catalano, Capogruppo Lega al Municipio XI – In un momento di difficoltà economica questi giochetti e rimpalli tra istituzione municipale e altri enti ha già prodotto danni economici ai commercianti. Ribadisco la preoccupazione verso il fatto che l’amministrazione grillina si stia concentrando sulla mera apertura del mercato, senza pensare a disegnare il rilancio sistemico di questo antico commercio”. Secondo Catalano bisognerebbe arricchire i mercati di altre attività, in modo da farli divenire, come in altre capitali europee, “luoghi di incontro, di arte, di cultura e di aggregazione. Per di più auspichiamo che una volta aperto si possa procedere il prima possibile all’indizione del bando per le licenze rimanenti, così da poter permettere a tutti i cittadini interessati di sviluppare la propria idea imprenditoriale in una struttura nuova”. Sul periodo di transizione tra un mercato e l’altro, l’Assessore Giujusa ha spiegato che non era più possibile dare proroghe, in quanto esse sono sempre state concesse in presenza “di una reale motivazione. Gli attuali ritardi, dovuti agli allacci alle utenze, potevano essere evitati organizzandosi nei tempi giusti”. In ogni caso dovrebbe mancare poco all’apertura del nuovo mercato di Vigna Pia, e speriamo che ciò avvenga davvero in tempi brevi.

Serena Savelli