Home Municipi Municipio XI

Villa Bonelli, Scuola Scarabocchio: la denuncia dei genitori

Dopo il ritrovamento di topi nell’istituto non si placa la polemica

SHARE

Dopo la segnalazione giunta alla nostra redazione nella giornata di ieri, in merito al ritrovamento di alcuni topi nella Scuola dell’infanzia Lo Scarabocchio di via Domenico Lupatelli in zona Villa Bonelli, i genitori sono tornati a chiedere l’intervento del Municipio.

LA SEGNALAZIONE – Questo il messaggio giunto alla nostra redazione da una nostra lettrice: “A gennaio è stata fatta una prima derattizzazione, ma poi nella giornata di ieri è stato trovato nuovamente un topo come vedete nella foto che vi ho inviato. Io posso anche capire che la scuola è immersa in un giardino, ma l’erba alta non può esserci, sarebbe dovuto intervenire il servizio giardini. Ho contattato la Presidenza del Municipio XI e la segreteria mi risponde che la vicenda non è di loro competenza e che dobbiamo rivolgerci al servizio socio-educativo. Forse il Presidente non sa che governa anche su quello. Così per la terza volta siamo costretti a ricomprare materassi, lenzuoli e spazzolini, fino al prossimo topo”.

GLI ULTIMI SVILUPPI – I genitori ci inviano una nota diramata dalla Direzione Socio-Educativa del Municipio XI che autorizza, per la giornata di oggi, ad una apertura posticipata della struttura per permettere di disporre alcune verifiche. Nonostante i questo i genitori non sono stati ricevuti dalla presidenza del Municipio XI e in queste ore stanno denunciando la vicenda ai Carabinieri e alla Asl.

DALL’OPPOSIZIONE – Sulla vicenda nel pomeriggio di ieri è intervenuto anche il consigliere di Fdi, Daniele Catalano: “Dopo pochi giorni una nuova emergenza topi all’interno della sezione ponte della scuola scarabocchio. Evidentemente l’intervento precedente non si è dimostrato efficace e conclusivo, pertanto auspichiamo che la parte politica in accordo con gli uffici competenti possa provvedere ad una nuova derattizzazione al fine di tutelare la salute dei bambini e dello stesso corpo docente”.

SHARE