Home Municipi Municipio XII

Area Verde Quattro Venti: inizio dei lavori entro la fine dell’anno

SHARE
Area Verde Quattro Venti Fuori

Dopo anni di attesa sembra imminente la presa in carico dell’area e la sua riqualificazione

Tratto da Urlo n.141 dicembre 2016

MONTEVERDE – Dovrebbero iniziare entro la fine del 2016 i lavori previsti sulla vasta area verde limitrofa alla Stazione Quattro Venti. Del progetto di riqualificazione si parla da anni. Il terreno è di proprietà di Ferrovie dello Stato e da tempo si attende la presa in consegna dell’area da parte del Comune di Roma, “conditio sine qua non” per l’inizio dei lavori che renderanno possibile la sua fruizione. Il passaggio ad oggi sembrerebbe essere prossimo.

L’ACCORDO – “Il 30 dicembre 2015 è stato firmato un contratto di comodato d’uso gratuito decennale tra Ferrovie dello Stato, Roma Capitale, rappresentata dal Dipartimento PAU, e il Municipio XII, che stabilisce le formalità per l’acquisizione dell’area verde Quattro Venti”, ci dice Valeria Allegro, Assessore all’Ambiente del Municipio XII. L’area, nel rispetto della sua destinazione d’uso (verde pubblico e servizi), dovrà diventare un parco fruibile per tutti i cittadini del quartiere. Il terreno in questione, per via della sua vastità (circa 22mila metri quadri), non rientra nelle competenze del Municipio, che ne otterrà in gestione solo una parte e che su di essa dovrà effettuare dei lavori di manutenzione. Tutto questo però potrà avvenire solo in seguito alla presa in consegna dell’intera area da parte del Comune di Roma. Ma come mai a distanza di quasi un anno dalla firma del comodato (ancora in essere) questo passaggio non è ancora avvenuto? Lo abbiamo chiesto ad entrambe le amministrazioni municipali che hanno gestito la questione, la Giunta Maltese (Pd) prima e la Giunta Crescimanno (M5S) poi.

LA GIUNTA USCENTE – In occasione della firma del comodato, ci racconta Cristina Maltese, attualmente Consigliera municipale d’opposizione e all’epoca Presidente del Municipio, “avevamo concordato che FS provvedesse alla messa in sicurezza degli impianti di sua competenza presenti nell’area, prima della presa in carico. Inoltre gli uffici tecnici dovevano provvedere all’individuazione delle particelle catastali per poter effettuare la recinzione dell’area. Successivamente FS ha potuto effettuare i lavori a suo carico, intervenendo anche sulla pulizia dell’area, durante la quale è stata sfalciata l’erba per evitare incendi. Dopo questi passaggi la mia consiliatura è arrivata alla fine, quando mancava solo la formalizzazione del passaggio al Comune dell’area”.

L’ATTUALE AMMINISTRAZIONE – Una volta cambiati i vertici politici in Municipio, la questione è passata nelle mani dell’attuale Giunta che, ci dice l’Allegro, “ha messo in campo un lavoro certosino” per giungere ad uno sblocco della situazione. Al momento in cui scriviamo l’area, però, non è ancora stata presa in consegna dal Comune di Roma, ma le ragioni del perché questo passaggio non sia ancora avvenuto non sono state riferite ad Urlo. L’attuale Giunta municipale si è riservata infatti di fornire tutti i dettagli in merito durante l’Assemblea pubblica indetta con i cittadini il prossimo 13 dicembre. Ad ogni modo, rassicuranti sembrano le parole della Presidente del Municipio, Silvia Crescimanno, che sulla propria pagina Facebook ufficiale ha scritto in una nota: “L’area Quattro Venti a breve sarà presa in consegna dall’Amministrazione per l’esecuzione dei lavori indispensabili alla messa in sicurezza”. Sono molti, ci dice l’Allegro, i problemi nei quali la sua Giunta si è imbattuta: “Nel contratto di comodato d’uso ci sono delle imprecisioni originarie; la questione è più complessa di quello che si può pensare”, nonostante questo è interesse dell’attuale Giunta prendere in carico l’area, ma “garantendo la sicurezza di tutti i cittadini. Non si tratta di un’area verde qualsiasi. Ci sono una serie di criticità che non devono essere sottovalutate”. È chiaro, conclude l’Allegro, che nel momento in cui ci sarà il passaggio di consegna tutto dovrà essere in regola.

FONDI E LAVORI – “Intanto la gara per individuare la ditta che dovrà eseguire i lavori è stata fatta. L’appalto durante la mia consiliatura municipale è stato aggiudicato e i fondi individuati”, ci dice la Maltese.
Si tratta di 140mila euro, ci conferma Valerio Vacchini, Assessore al Bilancio municipale, che “fanno parte del piano investimenti 2015/2017 e sono fondi che devono essere spesi entro la fine del 2016”. I lavori, ha assicurato Vacchini, “partiranno entro quest’anno”. I fondi individuati per la riqualificazione, tuttavia, commenta l’Allegro, sono una “somma esigua per la sistemazione di un’area così particolare”.
L’importo stanziato, ribatte la Maltese, “sarebbe servito per coprire i primi interventi nella parte bassa dell’area. Tra questi, sistemazione del verde e messa in sicurezza della pista ciclabile”. I lavori per la restante parte e i progetti per quest’ultima “sarebbero stati ultimati con ulteriori fondi che avremmo dovuto individuare”. L’ex Presidente si è comunque detta soddisfatta per la notizia dell’imminente inizio dei lavori e ha commentato: “Controlleremo che i fondi non vadano perduti e che si porti avanti un progetto molto importante per la fruizione dell’area”.

LE CRITICHE – Polemici sulla questione sono stati Marco Giudici e Giovanni Picone (Fdi), Consiglieri al Municipio XII, che dicono: “Il rimpallo delle competenze è una vecchia storia della peggiore politica. È bene che il M5S si attivi e faccia quello che ha promesso. Non è complicato acquisire un’area, però di fronte al M5S diventa tutto difficile. Chiediamo che questa sia finalmente restituita ai cittadini, nel minor tempo possibile”.

Anna Paola Tortora