Home Municipi Municipio XII

Colli Portuensi, in fiamme auto parcheggiata in strada. Giudici: “Cresce l’insicurezza nel quartiere”

SHARE
piromani colli portuensi

Nella zona di Colli Portuensi ancora una volta nella notte alcuni piromani hanno dato fuoco a un veicolo parcheggiato in strada. Cresce l’insicurezza nel quartiere, a sostenerlo è in una nota Marco Giudici, consigliere del Municipio.

L’ACCADUTO – La scorsa notte nel quartiere Colli Portuensi in via Dionisi, una strada di collegamento tra via Virginia Agnelli e via Portuense, un altro veicolo ha preso fuoco. Non è la prima volta che nella zona si verificano episodi di questo genere, negli scorsi mesi infatti era stato dato alle fiamme un furgone di medie dimensioni in via Gandiglio e due macchine erano state incendiate in via Roberto Alessandri.

LA DENUNCIA – A parlare della questione oggi è Marco Giudici, consigliere municipale e presidente della Commissione Trasparenza. Il consigliere parla delle numerose segnalazioni ricevute in merito alla questione e del fatto che l’episodio della scorsa notte sia solo l’ultimo di una lunga serie di atti di questo genere: “Nel quartiere Colli Portuensi c’è un problema piromani. I cittadini dei Colli Portuensi non possono più sopportare questa situazione. Grazie ai tagli del governo Renzi il livello di sicurezza nei nostri quartieri è sceso in modo esponenziale, così come la percezione di sicurezza dei cittadini è crollata a causa dell’abbandono del territorio da parte del Municipio XII e del Comune. Le forze dell’ordine non hanno le risorse per necessarie per garantire un adeguato presidio del territorio e le istituzioni locali presiedute dal centrosinistra pensano a tutto, fuorché a governare.”

LA POLEMICA  “Per i cittadini cresce l’insicurezza, ma per il centrosinistra al Municipio XII è tutto ok”, conclude Giudici riferendosi al testo contenuto all’interno di un ordine del giorno approvato lo scorso 14 ottobre in cui veniva affermato che “Il Municipio XII non presenta particolari situazioni di insicurezza o potenziali tali da determinare preoccupazione sociale”.

Anna Paola Tortora