Home Municipi Municipio XII

Il primo aprile i cittadini scendono in piazza per difendere il Forlanini

Un corteo tra le strade di Monteverde per rivendicare il pubblico utilizzo della struttura

SHARE
forlanini3

Saranno più di quaranta le realtà che il 1 aprile manifesteranno in difesa del Forlanini. Comitati, sindacati e associazioni, riuniti sotto la sigla “Coordinamento Forlanini proprietà pubblica bene comune” partiranno alle 10 da piazza Dunant percorrendo Monteverde fino all’ex nosocomio.

INERZIA E ABBANDONO – La volontà dei cittadini è quella di rivendicare la destinazione pubblica della struttura, assieme alla possibilità di riconvertirla per servizi sociosanitari: “Dopo dieci anni di inerzia e abbandono – sostengono dal Coordinamento – la giunta Zingaretti il 13 dicembre 2016 ha deliberato la vendita del complesso per fare cassa. Noi, al contrario, siamo per la difesa del patrimonio pubblico e del diritto alla salute, per questo chiediamo di restituire tale prezioso bene alla collettività, dotandolo di quei servizi di cui la cittadinanza ha bisogno”.

IN VENDITA OPPURE NO? – Nel mese di settembre la Regione Lazio ha approvato le linee guida per la realizzazione di servizi ai cittadini e una “Cittadella della P.A.”. Proseguendo, si legge in una nota, il lavoro di recupero dell’immobile, al fine di renderlo nuovamente fruibile alla collettività, e il cui interesse pubblico seguita ad essere una priorità. Nonostante questo nel dicembre scorso il Forlanini passa dall’essere “indisponibile” a “disponibile” (ovvero utilizzabile anche per attività non sanitarie). La delibera autorizza alla sua dismissione e fissa il valore di mercato dell’immobile a 70 milioni di euro, come da indicazione dell’Agenzia del Demanio. Nonostante la nota regionale escluda l’ingresso di privati all’interno della struttura, non è chiaro, però, se il Forlanini verrà venduto o meno. “Un primo colloquio in Regione si è risolto, pochi giorni fa, in un nulla di fatto – scrivono dal Coordinamento – La volontà è quella di alienare il Forlanini, sebbene sia stato diffuso un trionfalistico comunicato della presidenza regionale, parto più della fantasia che di risultati tangibili”.

LE ALTRE INIZIATIVE – Intanto nelle scorse settimane anche in Campidoglio sono approdati due documenti per chiedere che la struttura di Monteverde resti pubblica, mentre, al fianco della manifestazione, è partita anche l’azione giudiziaria. Il Coordinamento ha infatti presentato un ricorso al Tar contro la delibera di alienazione del complesso cui ha aderito anche il Comune di Roma: “Ora – proseguono i cittadini – si attende il cosiddetto “tavolo partecipato”, promesso dalla Regione. Le speranze però sono unicamente affidate alle decisioni del Tar”.