Home Municipi Municipio XII

La giunta del Municipio XII perde due assessori chiave

Lasciano la squadra di Silvia Crescimanno gli assessori alla Mobilità e ai Lavori Pubblici

SHARE
sedemunicipioxiirepertorio

MUNICIPIO XII – La giunta della minisindaca 5 Stelle in Municipio XII, Silvia Crescimanno, perde altri due pezzi. Dopo le defezioni dei mesi scorsi (siamo arrivati a sei dimissionari) nella giornata di ieri altri due assessori hanno rassegnato le loro dimissioni. Si tratta di Emilio Acernese, con delega ai Lavori Pubblici e di Chiara Ortolani, responsabile della Mobilità.

I MOTIVI – I motivi di queste dimissioni, che sono state accettate dalla Presidente Crescimanno, non sono stati ancora resi noti. L’ormai ex assessore Acernese sul suo profilo Facebook ha pubblicato un messaggio che non spiega appieno le ragioni delle dimissioni: “Oggi si è conclusa la mia avventura di Assessore del Municipio XII: dimissioni presentate e accettate. Al comprensibile dispiacere per una avventura che avrei voluto sicuramente concludere in modo diverso, fa da contrappeso il piacere e l’onore di aver conosciuto tante brave persone, sia all’interno che fuori del Municipio”.

LE REAZIONI – Non sono mancate le reazioni da parte dei consiglieri d’opposizione. In particolare sono i dem a dare adito alle speculazioni sui motivi delle dimissioni dei due assessori della Giunta Crescimanno. Così il consigliere PD, Lorenzo Marinone: “I 5S hanno bocciato in blocco le nostre proposte. Evidentemente una parte della maggioranza si è risentita della scelta: le nostre, d’altronde, erano proposte sorte da necessità dei cittadini”. Anche dalla Lega non manca la replica a quanto annunciato dai due assessori uscenti. Il consigliere Giovanni Picone in questo caso punta il dito contro la Presidente, chiedendone le dimissioni: “La Crescimanno prenda atto di quello che sta accadendo e dia le dimissioni per il bene dei cittadini – afferma Picone – Dopo sei assessori cambiati, metta fine a questa agonia di una giunta che si è dimostrata fino ad oggi incapace di governare il territorio”.

LeMa