Home Municipi Municipio XII

L’AMA A FORTE BRAVETTA

SHARE
forte_bravetta

Diverse voci si rincorrono sul futuro del Forte.
BRAVETTA – Il 29 aprile Forte Bravetta è diventato di proprietà del Comune di Roma e da allora 2 volanti della Polizia Municipale presidiano l’area. Pochi giorni prima, in occasione della Festa della Liberazione, il Sindaco Alemanno, presente alla commemorazione dei caduti con il Presidente del Municipio XVI Bellini, aveva rassicurato tutti sulla riapertura del Forte stesso ai cittadini. Negli ultimi giorni, però, stando alle voci che circolano, sembrerebbe che il Forte sia stato lasciato dalle volanti e dato in uso all’AMA, la quale garantirebbe un servizio di sorveglianza in cambio degli spazi per i propri furgoni.

Numerosi comunicati stampa in questo senso arrivano da parte del Comitato Forte Bravetta che, attraverso il Coordinatore Massimiliano Ronco, afferma che “si sta mettendo dentro un monumento della Resistenza romana un deposito dell’AMA e un’isola ecologica. Non lo accettiamo neanche provvisoriamente. Forte Bravetta deve essere destinato a scopi sociali e culturali per i cittadini, come il Sindaco ci aveva promesso il 25 aprile. L’assegnazione ad AMA per evitare occupazioni abusive è assurda visto anche la proposta dei Vigili della Municipale di accettare il controllo di vigilanza del Forte”.
Dal Campidoglio ci fanno sapere che essendo il Forte un bene del Comune, in quanto tale viene preservato e non ci sarà un deposito dell’AMA, ma in questi giorni essendo previsti dei sopralluoghi per valutare la situazione dell’area, l’AMA è presente per ripulire. In questo senso anche le dichiarazioni di Marisa Barbieri, Vicepresidente della commissione ambiente, territorio, urbanistica e patrimonio del XVI Municipio: “in quell’area non ci verrà nessuna isola ecologica. Verrà, invece, messo un presidio a tutela da eventuali occupazioni. Presidio che, però, deve ancora essere definito”.
Il consigliere del Municipio XVI Luigi Munini ci spiega: “conosco bene il Forte e conosco bene la sua storia, sono state uccise oltre 100 persone in quel luogo. È un posto dove si possono fare diverse cose per la cittadinanza, così come promesso il 25 aprile al Comitato Forte Bravetta, e invece non considerando le istituzioni locali, si vuole dare questo spazio all’AMA”.
Nel chiudere un discorso che risulta essere ancora molto nebuloso riportiamo una dichiarazione del Presidente Bellini: “se tutto ciò risultasse essere vero, cosa da verificare poiché ancora non abbiamo note ufficiali, sarebbe incredibile; come incredibile sarebbe proporre cose di dubbio gusto per un’area come quella del Forte che merita sicuramente rispetto”.
Andrea Falaschi
Urloweb.com