Home Municipi Municipio XII

Maltempo: disagi anche in Municipio XII

Allagamenti a Colli Portuensi, Bravetta, Monteverde e Aurelia Antica. Dall’opposizione si guarda al numero di interventi su tombini e caditoie

SHARE

MALTEMPO – Il violento nubifragio che si è abbattuto sulla Capitale nella giornata di ieri ha creato non poche difficoltà ai romani. Allagamenti si sono registrati in tutta la città, da Circo Massimo fino alle zone più periferiche della Capitale. In via Flaminia sono saltati alcuni tombini, strade allagate anche a Nomentano e Primavalle. Su via Ardeatina, all’altezza dell’incrocio con via Tor Carbone, alcune auto sono rimaste bloccate dall’acqua in attesa dei mezzi di soccorso. Anche le stazioni della Metro hanno avuto la loro parte di disagi, con la momentanea chiusura delle fermate di Cinecittà, Lucio Sestio, Colli Albani e Battistini. Il maltempo non ha nemmeno risparmiato Ostia, alle prese con la tornata elettorale. In alcuni casi si è votato in seggi parzialmente allagati e colpiti da blackout.

LE CRITICHE – situazione grave anche nel Municipio XII, dove dal centro destra non sono mancate le critiche alla gestione della manutenzione urbana da parte del M5s: “Allagamenti ad ogni nubifragio e in ogni parte del territorio del Municipio XII, questo il fallimento del M5S che si era ripromesso di gestire l’ordinario per non doversi occupare ogni volta delle emergenze – affermano i consiglieri di Fdi Giovanni Picone e Marco Giudici – Però i numeri rilasciati dalla Presidente Crescimanno sono emblematici e parlano di 700 caditoie pulite su 80.000. Senza dimenticare poi che dal Consiglio e dalle commissioni competenti non arrivano atti di indirizzo, non si danno priorità agli interventi, non si coordinano gli uffici. Difficile governare in questo modo e dare risposte ai cittadini. Come ad esempio ai residenti di Colle Aurelio, rimasti bloccati per ore lungo via di Brava. Ma i disagi sono registrati ovunque, da Monteverde a Bravetta fino all’Aurelia Antica. Immagini emblematiche del fallimento del M5S, impantanato nella sua mediocrità come i quartieri bloccati dalla pioggia di ieri”.

LA PULIZIA DELLE CADITOIE – I dati sulla pulizia delle caditoie citati dai consiglieri di Fdi, sono stati resi noti a fine ottobre dall’esponente del Pd, Elio Tomassetti, dopo le richieste del report sulle pulizie avanzate dal gruppo PD in Municipio XII. Il documento, come spiegato da Tomassetti, riguarda i passati 10 mesi: “In circa 300 giorni sono state pulite 700 caditoie su 80000 circa. Ma quello che più stupisce è che interi quartieri sono lasciati all’abbandono. Infatti non sono stati fatti interventi nell’ultimo anno lungo le strade di Casal Lumbroso e Massimina, e a Bravetta-Pisana (zone tremendamente colpite dalle ultime piogge) sono state pulite solo 15 caditoie – seguita Tomassetti – Ci chiediamo dov’è il cambio di passo promesso? Dov’è l’attività di programmazione?”.

LA REPLICA DEL MUNICIPIO XII – In merito al numero di caditoie sulle quali si è intervenuti negli ultimi mesi, la Presidente del Municipio XII, Silvia Crescianno, rispondeva, precedentemente agli allagamenti, in un articolo in uscita sul nostro mensile di novembre: “In realtà – ha spiegato la minisindaca nell’intervista – gli interventi sono stati 793 da gennaio a ottobre 2017. Sono stati un numero analogo rispetto a quanto effettuato nell’anno precedente, sotto la passata amministrazione, quando si contavano circa 800 interventi nello stesso periodo. Stesso discorso per i fondi. Dei 342mila euro dell’importo complessivo destinato alla manutenzione stradale ordinaria, per la pulizia delle caditoie sono stati impiegati circa 80mila euro, quindi più del 20% – seguta –  Veniamo accusati di non essere intervenuti in maniera efficace ma in realtà i dati sono analoghi a quelli relativi all’anno precedente nello stesso periodo, quando il grosso della consiliatura era stata governata dal Pd”.

LeMa