Home Municipi Municipio XII

Municipio XII: è scontro sui tempi d’attesa degli uffici anagrafici

Fino a 90 giorni per una Carta d’Identità, le opposizioni chiedono misure emergenziali

SHARE

MUNICIPIO XII – Resta complessa la gestione dei servizi anagrafici all’interno del Municipio XII, oggetto quest’oggi di una seduta del Consiglio Municipale in via Fabiola, dove le opposizioni hanno presentato un documento per chiedere la modifica e il superamento dell’attuale sistema di prenotazione. L’ordine del giorno è stato però bocciato dalla maggioranza penta-stellata, contraria alle modifiche proposte dai consiglieri d’opposizione. I problemi riscontrati nelle segnalazioni dei cittadini riguardano principalmente i tempi d’attesa generati dal sistema di prenotazione ‘TuPassi’. Si parla di circa 90 giorni per la Carta d’Identità Elettronica, di 45 giorni per il cambio di residenza, di 30 per le autentiche e gli atti notori e di 25 giorni per un certificato semplice. Il tutto con sole 20 unità di personale a servizio di un territorio che conta circa 145mila abitanti.

IL DOCUMENTO – Le richieste inserite nell’Ordine del Giorno bocciato dalla maggioranza sono semplici. Si parte con la previsione di un solo sportello dedicato alle prenotazioni online, con il ripristino della certificazione anagrafica a vista. Si passa poi per un numero contingentato di prenotazioni giornaliere e una maggiore flessibilità sul rilascio delle numerazioni, “al fine – si legge nel testo – di garantire eventuali urgenze (documentabili) in modo da ottemperare ai diritti dei cittadini. Infine viene richiesta una razionalizzazione del personale a disposizione del Municipio, con la dislocazione a supporto dell’Ufficio Anagrafico fino a cessata emergenza. “Da tempo il sistema elettronico che gestisce le prenotazioni presenta diverse lacune – ha spiegato il Consigliere del Pd Lorenzo Marinone – Oggi abbiamo preparato un ordine del giorno per superare il sistema elettronico “TuPassi”, per dare la possibilità al cittadino di ottenere in una giornata lavorativa i documenti richiesti. Il Movimento 5 stelle pur essendo ideologicamente a favore della nostra Proposta, ha votato contro, proprio perché non intende votare ordini del giorno provenienti dalle opposizioni. E intanto – conclude – per ottenere la carta d’identità ci vorranno ancora 90 giorni”.

IL PERSONALE – Parte di questa vicenda è anche l’obbligo (dal 1 luglio prossimo) dell’eliminazione dei pagamenti in contanti direttamente allo sportello. Duro l’intervento del Consigliere di Fdi Marco Giudici, che punta il dito contro l’amministrazione e contro la Sindaca, responsabile diretta degli uffici del Comune: “Per risolvere il problema dell’anagrafe la Raggi sposti il personale imboscato nelle segreterie del M5S al Campidoglio e lo collochi negli uffici a lavorare e a smaltire le file – ha commentato Marco Giudici – In due anni di governo l’anagrafe è l’esempio del fallimento dell’amministrazione. Il M5S è un criceto che insegue da due anni un pezzo di formaggio correndo su una ruota, e nonostante la fatica non fa passi avanti. I cittadini e il personale non possono più subire questo scempio – seguita – La direzione e gli organi politici del municipio tutelino i cittadini e il personale. Chiediamo di eliminare il TuPassi e garantire il pagamento per contanti, atteso che dal 1 luglio tutti, compresi gli anziani, dovranno pagare con bancomat o carta di credito, con grande gioia per le banche che fruiranno delle commissioni”.

LeMa