Home Municipi Municipio XII

TUTTI CONTRO MALAGROTTA

SHARE
Tutti contro Malagrotta. Mentre stamattina la Procura dava ordine ai Carabinieri di mettere i sigilli all’inceneritore/gassificatore  della discarica e  sequestrare tutti i permessi (dal 2004) negli uffici della Regione Lazio, 

nell’aula consiliare del Municipio XVI si teneva un consiglio  proprio per prendere le distanze e per denunciare il nuovo gassificatore che sarebbe dovuto essere inaugurato il 13 di questo mese.

Una circostanza fortuita ed improvvisa che però ha reso soddisfatti i consiglieri che hanno sempre combattuto per far

emergere all’opinione pubblica il problema del nuovo gassificatore.

Il presidente Bellini, parlando delle problematiche che investono l’area da anni, chiede di affrontare nelle prossime
settimane le valutazioni e tutti i monitoraggi che servono a ripristinare la messa in sicurezza, e che gli elementi di valutazione vengano messi a disposizione del cittadino. Il suo monito è spostare la discarica, chiedendo veloci risposte al Sindaco di Roma e al Presidente della Regione.

Il Consigliere Ortu del Prc ha lottato a lungo contro la discarica e il gassificatore, -"Sono sicuro che Malagrotta serve ad
inchiodare la politica alle proprie responsabilità perchè i sigilli dovevano essere messi ben prima dalla politica e non dalla procura. Non si doveva autorizzare l’inceneritore anche perchè è fuori legge in base alla legge Seveso II. (Clicca qui per leggere il testo della legge)

Hanno sbagliato, chiuderanno e non canteremo vittoria, perchè la politica ha coperto e ora sono tutti responsabili.
Non sbagliamo in quest’aula. Ora denunciamo." – continua- "Adesso dobbiamo votare un atto che denunci queste cose. "
 
Il Consigliere Fioravanti del PdL -"Intervengo con gioia, contento perchè, che la politica avesse fallito lo sapevamo, e quello
che è accaduto oggi era auspicabile. Oggi si divide la politica applicata a Roma, non siamo noi a segnare questa linea. Noi eravamo contro la tecnologia applicata a quel sito. Prima gassificatore poi termovalorizzatore.

Tutti i canditati politici durante le campagne elettorali hanno promesso la chiusura della discarica e mai nessuno l’ha fatto. Oggi la magistratura è servita per risolvere il problema. Abbiamo sempre chiesto trasparenza.  Abbiamo sempre trovato silenzio. Malagrotta è una zona franca alle leggi e lo dice il magistrato".

Avrebbero dovuto solo protestare contro l’inaugurazione del nuovo gassificatore nell’aula del Municipio, tra l’altro già
attivo da Giugno, dando un segnale al Comune sulla posizione della Politica locale sul tema della discarica più grande d’Europa, e invece la Procura già aveva allontanato la data del varo uffiale della struttura.

Ma si doveva aspettare il giorno prima dell’inaugurazione e sei mesi di test prima di bloccare tutto?


Marco Caria