Home Municipi Municipio XII

Via Roberto Alessandri avra’ finalmente nuovi marciapiedi

SHARE

Dopo 4 anni sembra sbloccato l’intoppo burocratico. Previsto per giugno l’inizio lavori

COLLI PORTUENSI – Sembrerebbe essersi risolta positivamente la “battaglia” sui marciapiedi di via Roberto Alessandri. I marciapiedi, completamente distrutti dall’azione delle radici degli alberi, infatti, sono diventati impraticabili e le essenze arboree rappresentano una minaccia alla sicurezza dei passanti. La situazione vedeva in campo due attori: il Municipio XVI e il Comune di Roma. Il primo indisse i lavori per il rifacimento nel 2008 stanziando 250 mila euro per la parte bassa della strada; la manutenzione, regolarmente conclusa nella parte destra della via (salendo da viale dei Colli Portuensi), era stata interrotta poco dopo a seguito – pare – di un esposto di un cittadino che si opponeva all’espianto degli alberi. È qui che interviene l’altro attore, il Comune: la competenza in merito alla rimozione è del Dipartimento Giardini che revocò l’autorizzazione all’espianto. In questi 4 anni è intercorsa un’intensa attività epistolare tra l’amministrazione Municipale, i cittadini e il Comune stesso, volta a sbloccare una situazione insostenibile culminata con la caduta di un albero la scorsa estate senza nessuna sollecitazione esterna: l’episodio, fortunatamente, non ha provocato vittime, ma solo danni ad alcuni veicoli parcheggiati.
Dopo vari mesi dalla prima denuncia della situazione da parte di Urlo, la questione sembra aver trovato una risoluzione: il 15 marzo scorso un incontro tra amministrazione municipale e Dipartimento Ambiente ha sbloccato gli impedimenti al rifacimento dell’altra metà dei marciapiedi. Roberto Baldetti, Assessore ai Lavori Pubblici del Municipio XVI ha dichiarato in merito: “Il Dipartimento Ambiente ha assicurato la collaborazione per intervenire sugli alberi non appena saremo pronti a procedere con il rifacimento dei marciapiedi. Abbiamo i fondi e stiamo facendo la gara d’appalto per i lavori. Pensiamo di intervenire prima dell’estate, verso giugno quindi: il Comune interverrà rimuovendo gli alberi e riposizionando le nuove essenze arboree. Siamo soddisfatti, anche se penso si sia perso troppo tempo, la stessa soluzione si sarebbe potuta raggiungere tempo fa”.
“La mobilitazione dei cittadini alla quale ho aderito ha dato i suoi frutti – dichiarato il consigliere Pdl del Municipio XVI, Marco Giudici – siamo riusciti ad ottenere il ripristino di una parte dei marciapiedi di via Alessandri e l’impegno del Servizio Giardini sugli alberi. Il lavoro non comprende tutta la superficie da ripristinare quindi c’è la necessità di impegnarsi politicamente e tenere alta l’attenzione sull’argomento perché entro breve tempo si metta in sicurezza la strada. Stiamo concordando una posizione per impegnare tutte le parti con un atto che vorrei che fosse approvato all’unanimità, per non riproporre i disagi di 4 anni fa. Ognuno si prenda le proprie responsabilità e tutta l’amministrazione municipale vada avanti in direzione univoca”.
Sull’epilogo dell’annosa faccenda si è espresso anche Fabio Bellini, Presidente del Municipio XVI: “Mi pare che finalmente sia stata fatta chiarezza sulla vicenda, e sul fatto che l’interruzione dei lavori nel 2008 sia stata determinata dal diniego del Dipartimento X. Questo nonostante l’allora Assessore all’Ambiente e il Dirigente del Dipartimento avessero fatto un sopralluogo e nonostante le numerose sollecitazioni. Non c’è stato il disimpegno del Municipio ma un nascondersi dell’Amministrazione comunale davanti al problema”. E aggiunge: “adesso, dopo l’incontro con il Dipartimento, abbiamo l’autorizzazione a procedere. Tengo a precisare che la manutenzione avviene oggi nonostante la necessità fosse già stata manifestata da un atto del dipartimento nel 2007. Avendo le risorse, possiamo procedere con i lavori, dopo l’autorizzazione del Dipartimento giunta in questi giorni. Fino ad oggi non c’era stata la volontà politica del Comune di sostenere i dirigenti e di risolvere la situazione. Adesso per fortuna siamo nella condizione di poterlo fare. L’espianto degli alberi è una questione aperta: la decisione riguardo chi si occuperà materialmente del lavoro avverrà in futuro, stabilendo se dovrà occuparsene il Dipartimento o chi rifarà i marciapiedi”.

 

Anna Paola Tortora