Home Notizie Cronaca Roma

14 milioni di euro dalla Protezione Civile regionale per salvare le costa

SHARE
ostia495_img

Oltre 1 milione di euro per la scogliera dell’Idroscalo di Ostia.

Grazie al lavoro svolto dal tavolo di concertazione del 18 gennaio scorso, promosso dal consigliere regionale Tonino D’Annibale e dal consigliere del XIII Municipio Alessandro Paltoni, la Protezione Civile regionale ha stanziato 1.140.519 euro destinati ai lavori di rafforzamento e potenziamento della scogliera posta a difesa dell’Idroscalo di Ostia.
“I fondi – spiega Paltoni – risultano dalla tabella degli interventi per i ripascimenti delle coste laziali nella quale sono presenti anche i 553.552 euro dei lavori in corso per la manutenzione straordinaria alle scogliere di Ostia ponente. Una concreta risposta ai residenti della zona di quello che è il vero impegno al di fuori di proclami e vane promesse elettorali, noi siamo per una politica del fare”.
Nel complesso si tratta di poco meno di 14 milioni e mezzo destinati alle coste Laziali: “E’ il frutto del lavoro di concertazione – dichiara Tonino D’Annibale, consigliere regionale uscente – il primo passo verso il risanamento dell’intera costa laziale. Voglio ricordare le questioni aperte dall’azione del sindaco Alemanno sull’Idroscalo perchè il primo cittadino romano continua ad escludere la regione Lazio da ogni forma di progettazione per il risanamento ambientale e idrogeologico dell’Idroscalo e per la messa in sicurezza del territorio in generale. La Regione Lazio deve essere protagonista – chiude D’Annibale – insieme al resto delle istituzioni. Per la vera programmazione c’è bisogno di serietà,
anche in campagna elettorale, ed è bene che il Sindaco ne prenda atto”. Al tavolo di concertazione, oltre a Paltoni e D’Annibale, avevano partecipato tra gli altri anche il direttore generale della protezione civile del Lazio Maurizio Pucci, rappresentanti dell’assessorato regionale all’ambiente, della provincia di Roma e del XIII Municipio e rappresentanti del consorzio di bonifica di Tevere e Agro Romano.

“In questi giorni l’Ardis sta valutando i costi per l’intervento sulla scogliera tra la foce del Tevere e il mare all’Idroscalo di Ostia – ha spiegato il presidente del XIII Municipio di Roma Giacomo Vizzani – lavori che determineranno la definitiva messa in sicurezza della zona. Oltre alle scogliere di contenimento, inizieranno i lavori di rinascimento delle spiagge di Ostia a partire da ponente. Per questa prima parte di interventi utilizzeremo il materiale proveniente dallo scavo per l’ampliamento della zona portuale. Per quanto riguarda gli arenili di levante- continua Vizzani – intanto è in corso l’analisi della sabbia presente in eccesso nel canale  dei Pescatori, una volta appurata la purezza del materiale lo stesso sarà usato per ricostruire la spiaggia all’altezza dello stabilimento Vecchia Pineta, oggi praticamente sparita per le pesanti
mareggiate invernali. Ora l’Università La Sapienza sta studiando la possibilità di realizzare i cosiddetti pennelli a mare nella zona di ponente: obiettivo tenere sotto controllo il flusso delle correnti in modo da fermare l’erosione eccessiva delle spiagge. Una volta terminato lo studio, il progetto sarà a disposizione della protezione civile regionale che metterà in atto l’opera. Dunque voglio ringraziare il consigliere regionale D’Annibale per aver portato all’attenzione della Protezione civile il grave problema che Ostia e il Lazio stanno vivendo. Il tavolo di concertazione avviato insieme ha già dato grandi risultati, in primis il costante monitoraggio che la protezione civile ha effettuato sulle nostre coste e poi naturalmente il grande impegno economico teso alla messa in sicurezza dell’intero litorale romano”.