Home Notizie Cronaca Roma

Acea: presentati in Campidoglio i dati sulla riduzione delle perdite

Con il monitoraggio e gli interventi sono state evitate perdite per 1.160 litri di acqua al secondo

SHARE

IL PIANO DI ACEA – Questa mattina la Sindaca Virginia Raggi, assieme all’Assessora all’Ambiente Pinuccia Montanari, ha presentato i dati del piano di riduzione delle perdite nella rete idrica della Capitale. Il monitoraggi e gli interventi iniziati da Acea in piena emergenza siccità, starebbero dando i primi frutti.

I DATI – Il recupero medio, ottenuto con la diminuzione delle perdite nella rete, sarebbe di circa 1.160 litri al secondo. “Grazie ai controlli sul 78% degli impianti – fanno sapere dal Campidoglio – sono state individuati 1.445 casi di perdita, di cui 1.140 già sanati. La rete idrica è stata ispezionata su un’estensione pari al 98%, azione che ha consentito di scongiurare la riduzione della pressione in orario notturno. Nel complesso, gli investimenti per eliminare le perdite e sistemare le infrastrutture sono stati, sotto la guida del nuovo management, pari a 5 milioni”.

INVESTIMENTO SULLA RETE – Il piano, definito il più ‘ampio e massiccio nella storia di Acea’, proseguirà fino al termine del 2017 e si svilupperà nel 2018, anche mediante la ridefinizione delle zone. “Dopo anni di immobilismo e di mancati investimenti, finalmente Roma Capitale ha dato mandato ad Acea di avviare una politica aziendale per ridurre gli sprechi, tutelare i cittadini e salvaguardare il bene comune più prezioso: l’acqua – ha dichiarato la sindaca Raggi – Le precedenti gestioni aziendali erano interessate soltanto a questioni che non producevano alcuna ricaduta effettiva sull’utenza: basti pensare che in passato sono stati spesi 7 milioni di euro soltanto per tracciare il nuovo logo societario. Ora, invece, si volta davvero pagina con un piano di risanamento infrastrutturale senza precedenti”.

DALL’OPPOSIZIONE – Dopo la presentazione dei dati in Campidoglio è una nota del gruppo Pd a cercare di frenare gli entusiasmi dell’Amministrazione penta-stellata: “Su Acea e sull’emergenza idrica la sindaca Raggi è eccessivamente trionfalista e molto reticente. E’ evidente che le criticità estive, con le proteste dei sindaci dei comuni rivieraschi del lago di Bracciano e le iniziative di salvaguardia adottate dalla Regione Lazio hanno costretto la SpA capitolina a correre ai ripari e ad intervenire sulla rete come da più parti sollecitato”. I consiglieri dem sottolineano poi gli avvicendamenti all’interno del management della partecipata che “è più che raddoppiato: da 3 a sette membri – aggiungono – Laddove la giunta di centrosinistra aveva adottato una scelta di sobrietà e contenimento dei costi dei CdA e dei management ora la giunta Raggi ne incrementa le spese rispolverando i fasti della stagione di Parentopoli”.