Home Notizie Cronaca Roma

Alla Cantina della Malmaison la Mostra “I vini dell’imperatrice”

SHARE


Un viaggio nelle cantine napoleoniche

E’ in corso al Museo Napoleonico la tappa romana, dopo Parigi e la Svizzera, di un’insolita mostra sulla cantina della Malmaison, nata dalla lettura dell’inventario del contenuto della cantina del castello residenza della prima moglie di Napoleone, redatto nel 1814 dopo la morte dell’imperatrice Joséphine.
La preziosa cantina custodiva oltre 13.000 bottiglie dei migliori vini di Bordeaux, di Borgogna, di Champagne e del Languedoc-Roussillon, accanto a vini della penisola iberica e ad italiani come il Picolit, il vermouth e il rosolio, ma anche rhum e “liquori delle isole” che rimandano alle origini creole di Joséphine. L’idea di questa mostra nasce dalla lettura dell’inventario, redatto dopo il decesso dell’imperatrice Giuseppina e nel quale è specificato il contenuto della cantina di Malmaison dove sono custodite oltre 13.000 bottiglie. L’esposizione di preziosi calici per lo champagne, bicchieri per acqua e vino, coppe per il punch, caraffe, rinfrescatoi, e persino della lista dei vini offerti agli ospiti in visita al castello, testimonia di una sofisticata arte del “bere bene” e del ricevere, ma soprattutto dell’evoluzione, in epoca imperiale, della produzione vinicola e della sua commercializzazione e dei progressi dell’industria vetraria.
La mostra si prefigge di mostrare l’evoluzione, in epoca imperiale, della produzione vinicola e della commercializzazione della stessa; sono riunite centocinquanta oggetti d’arte e documenti iconografici, provenienti dalle collezioni del museo di Malmaison, ma anche dalle collezioni dei musei dei castelli di Fontainebleau, di Compiègne, d’Eu (museo Luigi-Filippo), del museo Carnavalet, tra gli altri e del Museo Napoleonico di Roma. Ed è quindi con un approccio artistico e storico al tempo stesso, che la cantina dell’Imperatrice Giuseppina, preziosa testimonianza di uno stile di vita raffinato che decretò a lungo il fascino e la fama di Malmaison, viene celebrata.
In mostra 148 oggetti e documenti provenienti dalle collezioni della Malmaison, di Fontainebleau, di Compiègne, dal Musée Louis-Philippe d’Eu, dal Musée Carnavalet, dal Musée des Arts Décoratifs, dal Musée National de Céramique di Sèvres, dalla Fondation Napoléon, dal Musée Napoléon Thurgovie, château et parc d’Arenenberg e dal Museo Napoleonico di Roma e anche materiali provenienti da collezioni private e dagli archivi di famose case di produzione vinicola come la Moët et Chandon. L’esposizione promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali – Sovraintendenza ai Beni Culturali di Roma Capitale – Museo Napoleonico, realizzata in collaborazione con la Réunion des musées nationaux, il Musée national des Châteaux de Malmaison et Bois – Préau e il Musée Napoléon Thurgovie, château et parc d’Arenenberg, è a cura di Maria Elisa Tittoni e Giulia Gorgone. Ecco alcune informazioni utili sugli orari:
Martedì-domenica 9.00-19.00

Biglietto d’ingresso
€ 8,00 intero
€ 7,00 ridotto
– per i cittadini residenti nel Comune di Roma (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza):
€ 7,00 intero
€ 6,00 ridotto

Arianna Adamo