Home Notizie Cronaca Roma

Botta e risposta sulla ‘marcia’ di Forza Nuova a Roma

Minniti: “Non concedere l’autorizzazione”. Forza Nuova: “Il 28 in piazza”

SHARE

ROMA – In queste ore i militanti del gruppo di estrema destra Forza Nuova, hanno lanciato l’appuntamento per quella che è stata definita la ‘marcia dei patrioti’. La manifestazione sarebbe stata organizzata in corrispondenza con l’anniversario della marcia su Roma (28 ottobre). L’appuntamento lanciato su Facebook per le ore 16 in piazzale Pier Luigi Nervi all’Eur, ha scatenato una serie di critiche per questo appuntamento non autorizzato.

LE AUTORIZZAZIONI – Già il Viminale e la questura si sono espressi contro questo corteo, mentre nella mattinata di oggi il Ministro degli Interni, Marco Minniti, ha chiarito che “Con le motivazioni da me già espresse in Parlamento – afferma – ho già dato disposizione al questore di Roma di non concedere l’autorizzazione per la manifestazione promossa da Forza Nuova a Roma il prossimo 28 ottobre”.

DA FORZA NUOVA – Intanto, come riportato dall’Ansa, il segretario nazionale di Forza Nuova Roberto Fiore, in merito all’annuncio del ministro Marco Minniti, ha dichiarato: “Il 28 ottobre saremo comunque in piazza. Manifesteranno tutti gli italiani che amano davvero la patria – e ancora – Il modo in cui sta agendo il ministro Minniti è altamente irrituale – ha aggiunto – la legge prevede che sia il questore ad esprimersi in base al contenuto del preavviso che abbiamo presentato”.

CULTURA CONTRO REVISIONISMO – Anche dal Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, sono state espresse critiche nei confronti di questa marcia: “Il revisionismo – ha scritto il governatore attraverso Facebook – si combatte con la cultura e con la storia. Dal 22 ottobre per la prima volta abbiamo organizzato con 120 professori delle scuole del Lazio tre giornate di formazione nel ghetto di Varsavia e nei campi di sterminio di Treblinka e Majdanek. È la risposta migliore a questa pagliacciata della marcia su Roma e a ogni rigurgito fascista”.