Home Notizie Cronaca Roma

CHAMPIONS: ANCORA POLEMICHE SU DOVE ALLESTIRE IL VILLAGGIO

SHARE
logo-finale-champions-league

Continua il botta e risposta tra il Comune di Roma e l’Uefa.
L’accordo tra le parti sembra infatti non essere ancora raggiunto. Da una parte il Comune di Roma che continua a negare di avere pensato al Colosseo come suggestivo sfondo per il villaggio della Champions, dall’altra la Uefa che afferma che è stata proprio la Giunta comunale ad offrire il Colosseo durante la riunione con il capo di gabinetto del Campidoglio del 24 ottobre 2008.

Il presidente della Uefa Michel Platini dichiara :”No alle proposte alternative. Si farà al Colosseo e basta. E’ da otto mesi che lavoriamo a questo progetto ed ora non si cambierà. L’anno scorso abbiamo tenuto l’evento nella Piazza Rossa a Mosca, sono venute duecentomila persone e non c’è stato nessun danno.
Seccato il sindaco Alemanno :”Noi al Colosseo facciamo i concerti di Andrea Bocelli e non i campetti di calcio. Tutti hanno diritto di presentare proposte e progetti, ma il Comune di Roma non ha mai dato l’autorizzazione a un evento simile”. ” Non c’è alcun problema, domani terremo una conferenza stampa dopo esserci confrontati con l’Uefa ed il Ministero dei Beni Culturali”.
A difesa del Colosseo si schiera anche
la soprintendente ai Beni architettonici e al paesaggio, Federica Galloni,che rivela di aver dato parere sfavorevole al progetto che il Campidoglio le ha spedito a fine marzo.
Per ora la soluzione più accreditata è quella proposta dal sottosegretario ai Beni culturali
Giro :”installeremo una teca di cristallo contenente la Coppa, che sarà costruita con materiali poco invasiv,i su Via di San Gregorio, davanti l’arco di Costantino”.
Il luogo individuato per la kermesse – continua Giro – sarà invece Colle Oppio, precisamente nella cornice della terrazza panoramica sull’anfiteatro Flavio.Ho fatto un sopralluogo al campo della Polveriera con il sovrintendente ai Beni archeologici Angelo Bottini e ai Beni Culturali Umberto Broccoli e ci è sembrato un luogo idoneo ad ospitare il festival, luogo dove potranno avere il giusto risalto anche gli sponsor.
Nonostante le rassicurazione dal Pd si innalza un coro sdegnato :” dalle dichiarazioni di Platini si può dedurre solamente una cosa – dichiara Roberto Morassut, segretario del Pd Lazio – il Comune ha fatto un grosso pasticcio sottovalutando la vicenda”.
Sulla stessa lunghezza d’onda Enzo Foschi, vicepresidente della Commissione Cultura, Sport e Spettacolo alla Regione Lazio :” se le cose stanno come ha detto Platini il rischio è che la Uefa chieda i danni, con il risultato che saremmo l’unico comune al mondo che ospitando un grande evento sarebbe costretto ad un risarcimento. Ciò che è certo è il danno d’immagine”.

Oliva Damiano
Urloweb.com