Home Notizie Cronaca Roma

Chikungunya: 10 nuovi malati, il conto sale ad 86 casi

Isolato  allo Spallanzani il virus che sta causando l’epidemia nel Lazio

SHARE

I NUOVI CASI – Nella giornata di ieri il bollettino della Regione Lazio ha dato conto di altri 10 casi di chikungunya, che portano i malati al numero di 86. Dei nuovi casi “5 sono residenti o hanno riportano un soggiorno nel Comune di Anzio nei 15 giorni precedenti all’esordio dei sintomi”, spiega la Regione. Mentre i restanti “sono residenti nel Comune di Roma e non hanno collegamenti con Anzio”.

LA CHIKUNGUNYA – La chikungunya è una malattia virale che viene trasmessa da zanzare dello stesso tipo capace di trasmettere la febbre gialle e la dengue, così come dalla più comune zanzara tigre. La malattia ha un periodo di incubazione di 3-12 giorni, si manifestano febbre alta, brividi, cefalea, nausea, vomito e soprattutto forti dolori alle articolazioni. Solitamente la malattia si risolve in alcuni giorni, anche se i dolori articolari possono durare anche per diversi mesi. Solo in rarissimi casi possono esserci complicazioni di natura emorragica o neurologica.

ISOLATO IL VIRUS – Intanto sempre nella giornata di ieri, è stato annunciato che il laboratorio di Virologia dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani, laboratorio di riferimento regionale per gli agenti patogeni umani, ha isolato il virus che sta causando l’epidemia di Chikungunya nel Lazio. “Il virus isolato è stato denominato: CHIKV/ITA/Lazio-INMI1-2017 – spiega la Regione – è stato caratterizzato su base molecolare. La sequenza è stata depositata al National Center for Biotechnology Information, National Institute of Health, USA, e a breve sarà accessibile per la comunità scientifica”.