Home Notizie Cronaca Roma

Cittadinanza a Mimmo Lucano: la vicenda arriva in Campidoglio

È una mozione dei consiglieri del PD a chiedere che sia l'Assemblea Capitolina a conferire la cittadinanza onoraria al Sindaco di Riace

SHARE

ROMA – Una mozione per la cittadinanza onoraria a Domenico Lucano, sindaco di Riace, è stata presentata in Campidoglio dal gruppo del Pd. L’atto arrivo dopo l’iniziativa del Municipio VIII messa in campo per la campagna ‘Riace premio Nobel per la Pace 2019’ durante la quale il minisindaco Amedeo Ciaccheri ha conferito a Domenico Lucano la cittadinanza onoraria del Muncipio VIII. Sempre nella giornata di ieri è però giunta una lettera della Sindaca Raggi che diffidava il presidente Ciaccheri dal superare il Campidoglio, al quale spetterebbe, per consuetudine, questo iter.

LA DIFFIDA – Nella missiva (del 20 dicembre) la prima cittadina ha diffidato il minisindaco a procedere con il riconoscimento della cittadinanza onoraria a Domenico Lucano. Questo perchè, si legge nella nota, “la cittadinanza onoraria, nella prassi consolidata, viene riconosciuta a seguito di un’istruttoria sui motivi di merito posti a fondamento della domanda che, se ritenuta meritevole, diviene oggetto di una proposta di deliberazione da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea Capitolina”. Il Municipio VIII avrebbe quindi sbagliato l’iter, optando per una procedura ‘più snella’. Al contrario per la Sindaca “solo l’Assemblea Capitolina, qual organo rappresentativo della comunità dei cittadini, è deputata ad individuare persone, non residenti in Roma, che abbiano incarnato i valori fondanti della città e meritino un riconoscimento”.

LA REPLICA – Naturalmente nella giornata di oggi è arrivata la replica da parte del presidente del Municipio VIII, Amedeo Ciaccheri: “Se la Sindaca mi diffida perché non ritiene Mimmo Lucano meritevole della cittadinanza onoraria, allora sono orgoglioso di aver violato qualche insignificante regoletta dello statuto comunale – afferma il minisindaco – Al contrario se, come sono persuaso, anche Virginia Raggi è “amica” di Riace, simbolo di pace che si sta diffondendo nel mondo, allora invito la Sindaca e l’Assemblea Capitolina a seguire il mio esempio e concedere immediatamente la cittadinanza onoraria della città di Roma a Mimmo Lucano”. Ciaccheri in quest’occasione non manca nemmeno di scomodare i padri nobili della Capitale_ “Come ci insegna Virgilio, Roma fu fondata da un profugo – spiega – Enea che fuggiva da Troia devastata da una terribile guerra e che, dopo aver percorso mille pericoli e sofferenze per terra e per mare, sceglieva Roma per fondare un mondo nuovo, nuove comunità a venire”.

L’ATTO IN CAMPIDOGLIO – Così dopo questo botta e risposta il gruppo capitolino del Pd ha deciso di presentare una mozione per chiedere proprio che sia il Campidoglio ad avviare l’iter per la cittadinanza onoraria a Domenico Lucano. “Servono atti forti e politiche coraggiose per affrontare fenomeni globali come quello delle migrazioni. Va anche in questa direzione l’invito che abbiamo rivolto alla sindaca Virginia Raggi a conferire la cittadinanza onoraria – Sottolineano i consiglieri dem – Il sindaco Lucano con la sua attività istituzionale, riconosciuta anche da importanti organismi internazionali e descritta come modello dai media internazionali, ha dimostrato come il fenomeno delle migrazioni può essere governato e tramutarsi in una risorsa per il rilancio e la rinascita delle comunità locali”. I consiglieri del Pd hanno quindi richiesto anche che la Capitale aderisca alla campagna per il Nobel per la Pace 2019, chiedendo anche all’Assemblea capitolina “di sostenere e ampliare nella nostra città l’impegno politico e amministrativo per favorire le politiche di integrazione, in linea con gli obiettivi fissati nello statuto della Capitale che sono all’insegna della sua secolare vocazione di apertura, accoglienza e solidarietà”.

LeMa