Home Notizie Cronaca Roma

Corridoio Eur – Tor de’ Cenci: opera pronta per il 2020

Il filobus passerà sulla Cristoforo Colombo, per poi toccare Casal Brunori, Spinaceto e Tor de’ Cenci

SHARE
Uno dei nuovi filobus (Foto Omniroma)

CORRIDOIO DELLA MOBILITÀ – Nel settembre del 2018 i filobus sul Corridoio della Mobilità Laurentina dovrebbero arrivare su strada, ma da oggi c’è un’altra data importante per il trasporto pubblico del Municipio IX. Parliamo del 2020 e dell’apertura del Corridoio Eur – Tor de’ Cenci. Conclusasi ormai la Conferenza di Servizi è una seduta della commissione capitolina Mobilità a fornire le ultime informazioni sul progetto. Entro 180 giorni dovrà essere presentato il progetto esecutivo, mentre i lavori di realizzazione sono stati stimati in 555 giorni. “Dopo oltre dieci anni (il primo atto è datato aprile 2007) sbloccati finalmente i lavori del corridoio filoviario Eur – Spinaceto – Tor de Cenci – commenta il presidente della commissione Enrico Stéfano – Un risultato storico, frutto dell’intenso lavoro di questa Amministrazione insieme ai tecnici del Dipartimento Mobilità e di Roma Metropolitane”. “Ora Roma Metropolitane incaricherà l’appaltatore di consegnare il progetto esecutivo entro 6 mesi – riferisce in una nota l’assessora alla Città in Movimento di Roma Capitale, Linda Meleo – e l’infrastruttura sarà a servizio dei cittadini entro il 2020”.

IL PROGETTO – “Stamattina in commissione abbiamo analizzato il progetto definitivo – seguita il consigliere penta-stellato Stéfano – Un percorso rapido, quasi completamente in sede riservata (oltre il 70%), ecologico e ad alta capacità”. Il precedente progetto sembra essere quindi stato accantonato. Il tracciato previsto in passato infatti prevedeva un passaggio all’interno dei vari quartieri, allungando di molto i tempi di percorrenza. La nuova soluzione utilizza l’asse viario della Cristoforo Colombo, procedendo al collegamento dei quartieri più periferici con le fermate della metro dell’Eur. Il corridoio verrà percorso da tre differenti linee con un dieci passaggi orari stimati, per una capienza complessiva di circa mille persone.

IL TRACCIATO – Il filobus avrà come punto di partenza le fermate della metro dell’Eur, per poi incanalarsi, in sede protetta, su via Cristoforo Colombo. Punto d’ingresso nei quartieri sarà Casal Brunori, per poi proseguire all’interno di Spinaceto in direzione di viale Eroi di Rodi. La direttrice principale del corridoio punterà a Tor de’ Cenci, raggiungendo con delle deviazioni anche i quartieri confinanti. “I filobus collegheranno le fermate Eur Palasport ed Eur Fermi con il quartiere Tor de’ Cenci con un tempo di percorrenza di circa 30 minuti – spiega l’assessora Meleo – I mezzi viaggeranno in sede completamente protetta e riservata fra il Palalottomatica e il GRA. Dall’asse principale di via Cristoforo Colombo partiranno poi altri due percorsi, a servizio delle zone Castellaccio e Torrino-Mezzocammino. La parete elettrificata comprende il tratto su via Cristoforo Colombo oltre che l’intera zona Tor de Cenci”. Importante anche la previsione di una passerella pedonale che collegherà l’IFO di Mostacciano con il tracciato del Filobus su via Cristoforo Colombo. “I lavori – spiega Stéfano – inizieranno tra sei mesi circa e dureranno poco meno di due anni. Il costo totale si aggira intorno ai 40 milioni”.

I MEZZI – “Il corridoio – ha spiegato la Meleo – utilizzerà i medesimi filobus già in esercizio da aprile di quest’anno lungo le Linee 60-90 in zona Nomentana, che erano stati abbandonati in un deposito a Tor Pagnotta e che grazie a noi ora sono su strada”. L’Assessora ha poi colto l’occasione per ribadire la data d’apertura del Corridoio di via Laurentina: “Il Corridoio Eur-Tor de Cenci fa parte dello stesso appalto del Corridoio Eur Laurentina-Tor Pagnotta, per il quale si prevede invece l’inaugurazione entro fine 2018. Una volta attivi entrambi i corridoi, questi forniranno un servizio di trasporto a favore della mobilità sostenibile ed elettrica, che contribuirà a migliorare la vivibilità dell’intero quadrante per un trasporto pubblico rapido ed ecologico”.

LeMa