Home Notizie Cronaca Roma

Crocifisso nelle scuole?

SHARE

Il Municipio XII contro la sentenza della Corte Europea. Il Presidente del Municipio XI, Catarci, esprime il suo pensiero sulla questione.

Il Consiglio del Municipio Roma XII EUR ha approvato, a larga maggioranza, una Mozione sottoscritta dai Gruppi PDL, PD e UDC con cui si esprime la contrarietà del Municipio alla sentenza della Corte di Strasburgo che proibisce l’apposizione del Crocifisso nelle scuole pubbliche.


“Così come avvenuto in numerose istituzioni pubbliche anche il Municipio XII ha voluto lanciare il proprio segnale in merito ribadendo la centralità delle radici cristiane nella società italiana ed europea. Nessuna Nazione può rinunciare alle proprie tradizioni culturali e alla propria identità e per questo la sentenza della Corte di Strasburgo non aiuta certamente il processo di integrazione europea. Ribadire questi concetti storici, religiosi e culturali è importante per preservare l’identità delle Nazioni che la compongono e costruire così una Europa veramente fondata sui popoli”.

Lo dichiarano in una nota Marco Cacciotti e Gino Alleori, rispettivamente Presidente del Consiglio Municipale e Presidente della Commissione Scuola.

Questo il pensiero del Presidente del Municipio Roma XI, Andrea Catarci: “La sentenza della Corte Europea penso rifletti un principio fondamentale, e cioè che il diritto individuale di ognuno di vedere tutelata la propria libertà di pensiero, soprattutto in giovane età, è inviolabile. Personalmente non sono assolutamente infastidito dalla presenza del crocifisso nei luoghi pubblici, ma bisogna sottolineare che essendo appunto pubblici, ed essendo lo Stato italiano laico, non dovrebbero contenere arredi che non siano simboli esclusivamente dello Stato stesso. Oltretutto è un simbolo un po’ forte, macabro per certi versi, quindi penso che la Corte abbia deciso, soprattutto nei riguardi dei bambini, che non sia opportuno che rappresenti un arredo pubblico”.

urloweb.com