Home Notizie Città Metropolitana

Discarica Monte Carnevale: cittadini in piazza e maggioranza spaccata

Il voto in Aula Giulio Cesare divide il M5s, intanto i cittadini della Valle Galeria si danno appuntamento in Regione

SHARE

ROMA – Alcune centinaia di persone hanno protestato ieri in Campidoglio contro l’indicazione della discarica a Monte Carnevale. Nonostante i membri del Comitato Valle Galeria Libera non siano stati ricevuti dalla Sindaca, hanno potuto incontrare la delegata ai rifiuti Valeria Allegro, ma senza ottenere rassicurazioni o novità sulla vicenda. Intanto in Aula Giulio Cesare sono state votate due mozioni per chiedere il ritiro della delibera del 31 dicembre scorso che indica il sito di Monte Carnevale come nuova discarica. Entrambi i documenti sono stati presentati dalle opposizioni e approvati grazie all’apporto di alcuni membri del M5s.

LA MANIFESTAZIONE IN CAMPIDOGLIO

La rumorosa e coloratissima manifestazione dei cittadini purtroppo non sembra aver distolto la Sindaca dalla sua decisione di utilizzare il sito di Monte Carnevale come nuova carica di servizio della Capitale. “I rappresentati del Comitato ricevuti ieri dalla delegata della Sindaca, Valeria Allegro, (sebbene la Sindaca fosse presente in Campidoglio), non sono rimasti assolutamente soddisfatti dell’incontro, in quanto si è trattato soltanto di un ascolto delle ragioni che hanno portato i cittadini della Valle Galeria a manifestare e non di una discussione in merito al tema”, così hanno commentato i cittadini del Comitato Valle Galeria Libera. “Con profondo rammarico – seguitano – leggiamo dalla carta stampata, che purtroppo la Sindaca non ha nessuna intenzione di fare un passo indietro”. Il riferimento è alla nota di ieri sera in cui Virginia Raggi afferma: “Voglio che Roma sia pulita. Pretendo di non vedere più rifiuti in strada. Voglio che il problema della spazzatura si risolva definitivamente. Sono stanca dei ricatti. Per me si va avanti – e ancora – Capisco la sofferenza dei cittadini della Valle Galeria, è anche la mia. Capisco le difficoltà dei consiglieri. Ma dobbiamo dare risposte a 3 milioni e mezzo di cittadini”.

IL VOTO IN AULA

Sono 12 i consiglieri del M5si che hanno votato favorevolmente le mozioni presentate da Fdi e Pd contro l’indicazione di Monte Canevale come discarica di servizio, uno scossone per l’Amministrazione Raggi, nonostante nella serata di ieri da più parti si sia cercato di sottolineare la compattezza e l’unità della maggioranza: “Questa consiliatura andrà avanti fino al 2021 – commenta su Facebook il consigliere penta-stellato Angelo Sturni – Mettetevi l’anima in pace. Nessuna sfiducia nei confronti della Giunta Capitolina”. Nonostante il tentativo di serrare gli scudi è difficile immaginare che questo voto non abbia inciso minimamente sulla salute della maggioranza grillina. “In varie circostanze – spiegano da Fdi i consiglieri De Priamo, Figliomeni, Mennuni e Mussolini – tutte le forze politiche avevano garantito che la Valle Galeria non sarebbe stata oggetto di altri impianti inquinanti visto che ne è evidentemente satura. In questo caso poi il sito indicato aveva molte criticità riscontrate anche dagli uffici comunali. Siamo lieti che queste valutazioni abbiamo fatto breccia nella maggioranza ed ora invitiamo la Raggi a rispettare la volontà sovrana dell’aula per questa mozione così come per quella del 10/12 che chiedeva di escludere il sito di Falcognana”. Dal Pd è il Capogruppo, Giulio Pelonzi, a prendere la parola sconsigliando alla Sindaca di procedere su Monte Carnevale: “Sarebbe l’ultimo scellerato atto di una sciagurata sindacatura, quello di aprire un conflitto istituzionale tra giunta e Assemblea Capitolina – e ancora –  Tra l’altro se la sindaca va avanti dopo un’espressione esplicita dell’aula chiunque facesse ricorso al Tar sulla delibera che individua Monte Carnevale lo vincerebbe a mani basse perchè la Giunta su queste materie non può decidere, in quanto la competenza esclusiva di indirizzo è dell’Assemblea Capitolina”.

I PROSSIMI PASSI

Se al momento sembra che la Sindaca non voglia rimettere in discussione la sua scelta, anche i cittadini della Valle Galeria sembrano ben saldi sulle loro posizioni. “Chiediamo che qualora la Sindaca volesse andare avanti nel suo piano scellerato sia i consiglieri di maggioranza, che hanno votato le mozioni delle opposizioni, sia i Municipi (XI e XII) facciano un passo indietro, per dare un segnale fermo e deciso”. Dimissioni quindi, è questa la richiesta che arriva dalla Valle Galeria per quanti in Aula e nei parlamentini si sono detti contrari alla scelta della Raggi. Inoltre, aggiungono dal Comitato, “Il piano rifiuti è in capo alla Regione Lazio, e il Presidente Zingaretti è responsabile insieme al Comune della mala gestione dei rifiuti nella Capitale. La manifestazione a questo punto si sposta sotto la Regione Lazio, per chiedere un incontro direttamente al Presidente, e chissà se anche lui manderà un delegato ad ascoltarci”.

Leonardo Mancini

(Foto Gruppo Facebook Valle Galeria Libera)