Home Notizie Cronaca Roma

Discarica Monte Carnevale: ripensamenti dal Campidoglio?

Dovranno essere i cittadini a dimostrare l’impossibilità di realizzare una discarica. Comitato Valle Galeria Libera. “È ancora necessario evidenziare le criticità che affliggono la Valle Galeria?”

SHARE

ROMA – Era facile immaginare che parte del M5s romano non avrebbe fatto i salti di gioia dopo la decisine di realizzare una nuova discarica a Monte Carnevale. Soprattutto dopo che su questo territorio, la Valle Galeria, si sono fatte le ossa molti degli esponenti politici ai vertici non solo dell’amministrazione capitolina. Tra sit-in, comizi e manifestazioni contro la discarica di Malagrotta, il M5s è cresciuto in questo territorio, al grido di ‘mai più rifiuti nella Valle Galeria’. E ora? È così difficile immaginare la reazione di eletti e attivisti? Pare di no, infatti dal Campidoglio si starebbe cercando una via d’uscita dal vicolo cieco in cui si è finiti la notte di San Silvestro.

I MUNICIPI IN RIVOLTA

Nella serata di ieri si è svolta una riunione in Campidoglio cui ha partecipato anche la minisindaca del Municipio XII, Silvia Crescimanno, al termine della quale ha affermato: “Abbiamo concluso ora una riunione, da noi richiesta, con la sindaca Virginia Raggi e i Presidenti degli altri municipi. Lavoreremo insieme al Campidoglio per rivalutare la decisione presa alla luce dei nuovi elementi da noi rappresentati. Il municipio XII continuerà a mettere la Valle Galeria e la tutela dei cittadini al primo posto”. Un passo indietro dunque rispetto alle paventate dimissioni, ma una posizione che comunque non sembra accettare la decisione del Campidoglio. Anche dal Municipio XI non sono mancate le critiche e i malumori nella compagine grillina. È il delegato della Sindaca, l’ex presidente, Mario Torelli, in un post su Facebook a prendere le distanze dalla decisione della Raggi: “Se dovesse persistere questa linea sappiate che sto dalla parte dei cittadini che, giustamente, da anni vorrebbero essere ascoltati ed assicurati che la zona va tutelata”. Intanto in Municipio XII intanto è pronto un documento che andrà in discussione nel Consiglio straordinario previsto per mercoledì prossimo, redatto dopo la seduta odierna della commissione Controllo e garanzia. In quella sede l’assessora municipale all’Ambiente, Novella Terribili (da poco succeduta a Valeria Allegro, ora delegata ai Rifiuti in Giunta Raggi), ha ribadito la contrarietà a questa scelta e di essere ‘pronta alle barricate’.

UN PASSO INDIETRO

Stando però a quanto si apprende al momento la possibilità che si arrivi allo stralcio della Delibera su Monte Carnevale sarebbe tutta nelle mani dei cittadini. È infatti a loro (comitati e associazioni in testa) che la Sindaca Raggi avrebbe richiesto di dimostrare, in punta di diritto, i motivi ostativi alla realizzazione di una nuova discarica nella Valle Galeria. A darne notizia sono gli stessi cittadini del Comitato Valle Galeria Libera, presenti con una delegazione in Campidoglio: “Alcuni consiglieri, davanti alle problematiche evidenziate dai cittadini presenti in Campidoglio, hanno riferito che la questione verrebbe riesaminata davanti ad elementi ostativi comprovati. Siamo abbastanza scioccati da queste dichiarazioni, in quanto non crediamo di dover ancora dimostrare quali siano le criticità nella costruzione di una nuova discarica nella Valle Galeria, proprio di fronte a Malagrotta”. I cittadini parlano di una discarica, la più grande d’Europa, che non è mai stata bonificata, della presenza della ex Raffineria, di un Oleodotto e del sito di trasferenza di Ponte Malnome, ormai prorogato per due anni, oltre ai problemi con i rifiuti interrati presso il Piano di Zona di Monte Sallonara. “Ci chiediamo quindi se sia ancora necessario evidenziare quali siano le criticità che affliggono la Valle Galeria, e se non appaia quantomeno bizzarro attendersi che sia la popolazione a documentarle dopo che la stessa Amministrazione si sia di recente, e giustamente, opposta all’utilizzo delle medesime aree per la discarica di inerti; in ogni caso il Comitato metterà a disposizione delle Amministrazioni tutta la documentazione di cui è in possesso affinché la questione venga finalmente e definitivamente chiusa”.

Leonardo Mancini