Home Notizie Cronaca Roma

Dopo l’agguato a Magliana parte lo scontro social tra Raggi e Salvini

Dopo gli spari davanti ad un asilo di Magliana parte lo scontro tra la Sindaca e il Ministro in merito alla presenza di Forze dell'Ordine nella Capitale

SHARE

MAGLIANA – Dopo l’agguato che nella mattinata di ieri è costato la vita ad Andrea G. di 34 anni davanti ad un asilo del quartiere Magliana, si è scatenato un botta e risposta tra la Sindaca Virgina Raggi e il Ministro Matteo Salvini. Oggetto del contendere la necessità di maggiori unità di forze dell’ordine nella Capitale.

L’ATTACCO DELLA SINDACA – La Sindaca Raggi ha immediatamente commentato il tragico evento attraverso twitter, chiamando in causa il Ministro Salvini: “Sono indignata per gli spari fuori dall’asilo alla Magliana. Roma ha bisogno di più poliziotti come annunciato dal ministro @matteosalvinimi. Non è più possibile aspettare, serve un numero di forze dell’ordine congruo per la Capitale d’Italia”.

LA REPLICA DI SALVINI – Non è mancata la risposta del Ministro Salvini, in un video mentre indossa la giacca della Polizia: “è stato un agguato in stile mafioso, un regolamento dei conti. Sono qui per portare risultati concreti rispondendo a chi fa solo bla bla bla – ha aggiunto – A Roma nel 2018 solo in forza questura della Capitale sono arrivati 55 poliziotti in più; entro febbraio ne arriveranno altro 75, entro fine anno altri 75 in più e siamo a 200 e con i soldi in manovra ne arriveranno almeno altri 50. In totale almeno 250 poliziotti in più, mentre altri altri prima di me tagliavano”.

LA CONTROREPLICA DELLA RAGGI – Il botta e risposta, tutto consumato sui social, si è qundi concluso con la controreplica della Sindaca Raggi: “Caro Matteo Salvini, bando alle chiacchiere e mettiamoci a lavoro. Io faccio il mio – e ancora – Permettimi una battuta. Per due anni è sempre stata solo e esclusivamente #TuttaColpaDellaRaggi. Benvenuto nel club”.

Red