Home Notizie Cronaca Roma

Ex Mercati Generali: la conferenza stampa in Comune verso la riapertura dei cantieri

Raggi: “Si conclude un brutto capitolo e si apre un progetto di rilancio serio”

SHARE

EX MERCATI GENERALI – È la Sindaca Raggi, assieme all’Assessore all’urbanistica Montuori a parlare questa mattina in conferenza stampa della vicenda degli ex Mercati Generali. Di qualche giorno fa la notizia della firma della delibera per sbloccare i lavori e procedere alla riqualificazione dell’area. Una decisione arrivata con molto ritardo, dopo che lo stesso documento era passato per le mani dell’ex Commissario Tronca che aveva lasciato quest’onere al nuovo primo cittadino. Con la ripresa dell’iter si allontana il rischio di rispondere legalmente per i ritardi, con una penale indicata in passato dall’avvocatura capitolina in circa 111 milioni di euro.

RICUCIRE LA CITTÀ – La Sindaca Raggi ha spiegato che con questo intervento si punta a ‘ricucire’ un pezzo di città, parlando della “conclusione di un brutto capitolo e l’apertura di un progetto di rilancio serio”. La storia di quest’area parte nel 2003 con il concorso d’architettura che vide la vittoria del progetto dell’architetto Rem Koolhaas. L’intervento è stato poi rivisto e modificato con due varianti per aggiornare l’equilibrio economico-finanziario dell’opera. In prima battuta nel 2009 con l’amministrazione Alemanno e poi nel 2012 sotto la giunta Marino. Ultimamente vicenda degli ex Mercati Generali è entrata con forza nelle logiche di maggioranza nel Municipio VIII, creando lo scontro tra diverse componenti del M5s che ha portato alle dimissioni del Presidente e allo scioglimento del parlamentino di via Benedetto Croce. “Sappiamo bene che in questa città talvolta l’urbanistica è stata moneta di scambio – ha dichiarato la prima cittadina quest’oggi – Il Campidoglio è rimasto schiacciato da interessi che nulla avevano a che vedere con quelli dei cittadini, per noi non è così. Il Campidoglio deve dettare le regole. Stiamo facendo vedere che si può investire a Roma, ma lo si deve fare tenendo conto dell’interesse dei cittadini”. L’assessore all’Urbanistica Montuori ha poi sottolineato la presenza di spazi negati ai cittadini, “dei fantasmi, dei cantieri infiniti – aggiunge – Spesso lasciati così dai proponenti nell’attesa che una monetizzazione futura porti nuove possibilità di sfruttamento. Su questo vogliamo lavorare”.

IL PROGETTO – Il mix funzionale resta quello deciso nell’ultima variante al progetto, quella del 2012. Restano quindi gli uffici comunali, la biblioteca, il centro anziani, la casa dello studente, il cinema e il centro sportivo. Assieme ad un piccolo centro religioso, negozi e uffici. Inoltre dall’assessorato fanno sapere che è stato raggiunto l’accordo con i proponenti sulla immutabilità delle percentuali tra cultura, commerciale e spazi pubblici, che non si potranno ridiscutere per arrivare ad un nuovo equilibrio economico-finanziario dell’opera. Elemento di maggiore novità sembra essere l’area frontale della struttura, che vedrà la realizzazione di una strada pubblica di ingresso. Questa resterà sempre aperta, così da non isolare questi edifici dal contesto urbano. L’Assessore Montuori ha poi parlato di ampie pareti per il verde verticale, così da mitigare l’assenza di spazi verdi. Gli standard in questo senso verranno recuperati al di fuori dell’area degli ex Mercati, con la riqualificazione delle rive del Tevere. Con il recupero dei canoni non corrisposti fino ad oggi (si parla di cinque annualità) il Comune ha ottenuto circa 1 milione di euro, che verranno impiegati per la riqualificare l’asse di via Ostiense e portare la pista ciclabile fino alla Piramide Cestia. Ultimo accorgimento di cui l’assessore Montuori dà notizia riguarda i canoni negoziati per lo studentato. Questi faranno riferimento alle tabelle di Lazio Adisu, aggirandosi quindi sui 290 euro al mese per una stanza.

I TEMPI DELL’INTERVENTO –  Meno precisa la risposta ai cronisti che chiedevano conto dei tempi necessari per la ripresa dei lavori. “I cantieri partiranno il più presto possibile – ha risposto l’Assessore – Il proponente deve redigere il progetto esecutivo, che va portato in validazione presso i nostri uffici. Dato che c’è una sospensione dei canoni per tre anni – seguita – penso che i proponenti cercheranno di stare in questo tempo”. Successivamente è una nota diramata dal Campidoglio a chiarire meglio le tempistiche: “saranno ristrutturati e nel 2020 torneranno alla collettività come spazio pubblico”.

I RAPPORTI CON IL MUNICIPIO VIII – Indirettamente arriva anche la risposta a quanto dichiarato dagli ex consiglieri d’opposizione in Municipio VIII, Andrea Catarci e Amedeo Ciaccheri, ad oggi esponenti della Coalizione Civica. È l’Assessore Montuori ad assicurare che il ponticello pedonale tra via Matteucci e via Negri si farà: “Rimane al suo posto – afferma – perché favorisce sia il pubblico che il privato”. La critica era stata mossa nei giorni scorsi in merito alla possibile esclusione di questo intervento dal progetto. Altro tema sul quale l’Assessore risponde è il rapporto tenuto con quanti all’interno del M5s municipale si erano schierati per una rivisitazione profonda del progetto: “Sono assessore anche dell’VIII Municipio – ha detto Montuori – quando mi sono stati chiesti appuntamenti per parlare degli ex Mercati ho sempre accolto tutti. Ho accolto i suggerimenti per migliorare il progetto, ma con l’obiettivo chiaro di arrivare alla chiusura di questa situazione”.

Leonardo Mancini