Home Notizie Cronaca Roma

Il 21 aprile si Marcia per la Terra

SHARE

 Una manifestazione nazionale che coinvolgerà anche i nostri territori.

 

LA MANIFESTAZIONE – In occasione della Giornata Mondiale della Terra, che ricorre domenica 21 aprile, è stata indetta su scale nazionale una marcia per ribadire l’importanza della salvaguardia ambientale e dello stop al consumo di suolo. La manifestazione si svolge in contemporanea in sette regioni italiane, nel Lazio ci sono molti percorsi da poter seguire, a piedi o in bicicletta, che confluiranno in un grande abbraccio attorno al Colosseo nel pomeriggio di domenica 21 aprile. 

I NOSTRI TERRITORI – Dai comitati e dalle associazioni di Roma Sud, da sempre attente e impegnate nella salvaguardia dell’ambiente contro le speculazioni edilizie, è stato preparato un lungo percorso sulle tracce delle maggiori criticità urbanistiche dei Municipi VIII e IX (ex XI – ex XII). Il percorso, ideato dalle Associazioni Ottavo Colle, Gruppo Giovani Fonte-Prato, Coordinamento STOP I-60, Comitato Ballarin e Cecchignola Vivibile, porta un titolo molto significativo ed esemplare della situazione che sta vivendo questo quadrante della nostra città: Verso il Peccato Originale dell’Urbanistica romana. “Questa camminata tocca alcuni luoghi simbolo delle battaglie ambientaliste dei Municipi XI e XII, tra cui Tor Pagnotta, il Parco del Tintoretto, l’I-60 – fanno sapere gli organizzatori – Il Peccato in questione è l’accordo che fu fatto tra la politica comunale, quella  regionale e i costruttori, al tempo della cancellazione delle cubature sul Parco di Tor Marancia nel 2002. Grazie a tale accordo il cemento di Tor Marancia fu “compensato” con cubature fino a 3 volte superiori in molte aree della città”.

COME PARTECIPARE ALLA MARCIA – Il percorso di circa 13 Km parte da Fonte Laurentina alle ore 8, per passare poi da Tor Pagnotta, dalla Valle della Cecchignola, Via di Vigna Murata, l’I-60 fino a Cecilia Metella, dove i partecipanti si uniranno agli altri percorsi per poi raggiungere il Colosseo. “Durante la passeggiata – sottolineano gli organizzatori – vi aggiorneremo sulle varie minacce che incombono sulle nostre aree verdi e sulla storia dei luoghi”. Una grande occasione per conoscere meglio i nostri quartieri, le strade e gli spazi verdi, che tutti i giorni cerchiamo di raccontare. 

Leonardo Mancini