Home Notizie Cronaca Roma

Il Bike – Sharing di Roma passa alla gestione dell’ATAC

SHARE

La gestione del Bike-Sharing romano è passata ad ATAC dal 1 giugno 2009. Il servizio, inaugurato nel giugno 2008 dal Sindaco Alemanno e dall’Assessore all’Ambiente De Lillo, rischiava di chiudere per problemi economici. Il progetto era stato finanziato, sponsorizzato e gestito dalla Multinazionale Spagnola CEMUSA. Scaduto il termine del contratto con la società il servizio è passato ad ATAC, fino al 31 dicembre 2010.
Visto il grande successo dell’iniziativa, Alemanno e il Presidente dell’ATAC Massimo Tabacchiera, hanno cercato di non far morire il sistema.
Molti sono stati i cambiamenti: le biciclette diventano da rosse a verdi e cambia il sistema tariffario. Sparisce così la cauzione di 30 euro e la prima mezz’ora di pedalata gratis. Ciò ha provocato aspre polemiche, perché il nostro Bike-Sharing, invece di essere pagato dalla pubblicità, viene finanziato dagli utenti. Altro punto di critica è il costo delle ore di utilizzo del mezzo. Nelle altre città la tariffa non è uguale per tutte le ore, bensì cresce all’aumentare del tempo, per disincentivare il trattenimento della bici e quindi la mancata condivisione.
I tecnici dell’ATAC, però, sostengono che questo nuovo piano tariffario è più conveniente e di facile utilizzo. La nuova tessera costerà solo 5 euro e potrà essere acquistata nelle biglietterie ATAC autorizzate (alle fermate della metro A: Termini, Lepanto e Spagna), per poi ricaricarla anche in altri siti della città. Si pagheranno 50 centesimi ogni 30 minuti, per un massimo di 24 ore.” Tutto questo – sostengono i tecnici ATAC – è stato fatto per migliorare la sostenibilità economica della gestione, uno dei motivi che determinò la rinuncia alla gestione da parte di CEMUSA”.
Inoltre grazie a tutta questa serie di cambiamenti, si è passati dai 2800 utilizzatori della gestione CEMUSA, agli attuali 5000, della gestione ATAC.
Per prelevare la bicicletta si accosta la Smartcard al lettore presente sulla colonnina. Dopo l’uso, la bici può essere riconsegnata in qualunque postazione, non necessariamente in quella di partenza, eseguendo la stessa operazione (ripassando la tessera sul lettore e bloccando così il veicolo).
In ogni ciclo posteggio è presente un Totem informativo che indica la cartografia del territorio e la dislocazione degli altri posteggi. Il servizio si sta espandendo in diverse zone della città come San Lorenzo e Ostia.

Emanuela Maisto