Home Notizie Cronaca Roma

Mafia Capitale: momenti di tensione in Campidoglio

SHARE
campidoglio surroga manifestaizone

Si sostituiscono i consiglieri arrestati, mentre la piazza urla ‘buffoni’ e ‘mafiosi’

LA SEDUTA – L’Aula Giulio Cesare ha approvato la sostituzione temporanea dei consiglieri capitolini Caprari, Coratti, Pedetti e Tredicine, coinvolti nella seconda ondata di arresti dell’inchiesta Mafia Capitale. In sostituzione arrivano sugli scranni dell’assemblea capitolina i primi dei non eletti: Daniele Parrucci, Liliana Mannocchi, Cecilia Fannuzza e Alessandro Cochi. Un atto dovuto e sancito dal regolamento d’aula, che ha però portato molto malcontento vista l’impossibilità per il pubblico di assistere ai lavori.

LA PROTESTA – Fuori dal Campidoglio infatti si sono radunati molti attivisti ed eletti del M5S che hanno chiesto a gran voce di entrare nell’Aula dove era in corso la seduta. “Buffoni”, “onestà”, “mafiosi”, sono questi alcuni dei cori che hanno scandito le prime ore del pomeriggio, dopo che gli attivisti sono stati bloccati all’altezza delle transenne sotto Palazzo Senatorio. Successivamente sono riusciti a guadagnare la scalinata dell’ingresso di via Sisto IV, solo per trovarsi davanti un portone sbarrato. “Mafia Capitale scandalo senza fine. Il Comune di Roma va resettato i legami con la mafia recisi il Campidoglio disinfestato”, scrive su twitter Beppe Grillo. A manifestare in piazza anche il gruppo “Gioventù nazionale Roma” e una rappresentanza del movimento “Sovranità Prima gli italiani”, che sposa le idee di Matteo Salvini ed è qui “vicino agli amici di ‘Noi con Salvini’ per chiedere le dimissioni del sindaco Marino”. Presenti anche i lavoratori di Multiservizi e una delegazione di FdI-AN.

ATTREZZARE LA SALA DEL CARROCCIO – A margine della seduta la presidente dell’Aula, la consigliera Pd Valeria Baglio, ha parlato della possibilità che la Sala del Carroccio venga attrezzata per permettere al pubblico di seguire i lavori del Consiglio. Questa possibilità renderebbe più facile l’accesso ai cittadini qualora si esaurissero i posti disponibili in Aula Giulio Cesare. “Ora stiamo valutando e ci stiamo attrezzando per aprire in casi di presenza elevata di pubblico anche la sala del Carroccio – ha spiegato Baglio – mettendo a disposizione un video per trasmettere la seduta, che ricordo è già in diretta streaming e in radio”