Home Notizie Cronaca Roma

Maltempo: Vertice in Campidoglio

SHARE
ventorid

Una riunione tecnica sul dissesto dei quadranti Sud e Nord della Capitale

LA RIUNIONE – Il Sindaco Marino ieri mattina si è recato nel quartiere dell’Infernetto, uno dei quadranti più colpiti dagli allagamenti. A seguito di questo sopralluogo si è tenuta questa mattina in Capidoglio una riunione d’urgenza con l’Assessore ai Lavori Pubblici e alle Periferie Paolo Masini e gli Uffici Tecnici comunali. Lo scopo dell’incontro, come spiegato dal Capidoglio, è quello di “esaminare gli aspetti strutturali e di manutenzione ordinaria delle aree del Comune di Roma a maggiore rischio di dissesto idrogeologico”. 

LE AREE CRITICHE – Osservato speciale il è il X Municipio, con l’Infernetto, Casal Palocco, Saline e Stagni di Ostia, tutte zone soggette ad allagamenti ad ogni ondata di maltempo. “Abbiamo stabilito – spiega il sindaco – che occorre eseguire nei prossimi giorni una valutazione economica dei costi per il potenziamento degli impianti dotati di idrovore, e dell’allargamento dei canali in diverse zone, mentre il direttore del Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana (Simu), Roberto Botta, mi ha assicurato che in via Frassineto, a Prima Porta, entro 10 giorni saranno in funzione tre nuove idrovore, che si aggiungeranno alle quattro già presenti. Altra buona notizia per via Procaccini, nello stesso quartiere – prosegue Marino – dove entro una settimana partirà il cantiere per il nuovo impianto di sollevamento delle acque reflue, grazie ai fondi immediatamente disponibili dopo lo sblocco da parte del Mef di 150 milioni dal Patto di Stabilità, la scorsa settimana. Una promessa fatta ai cittadini di Prima Porta dopo l’alluvione del 31 gennaio 2014 che siamo felici di poter mantenere”. 

GESTIONE DEL TERRITORIO – Nella riunione sono emersi anche alcuni aspetti di gestione del territorio e dell’ordinaria manutenzione di fossi e canali che richiedono un ulteriore approfondimento, anche con il coinvolgimento delle altre istituzioni concorrenti. “Per questa ragione – aggiunge il sindaco – chiederò un incontro con il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, per ragionare con lui sull’applicazione e la ratio della legge regionale 53 del 1998, che affida ai cittadini che vivono di fronte a canali e fossi la loro manutenzione ordinaria. Nella realtà spesso quei fossi sono ormai veri e propri corsi d’acqua, per i quali sono necessarie competenze di ingegneria idraulica e disponibilità economiche rilevanti. È quindi mia opinione che sarebbe opportuno ridiscutere lo stesso impianto della legge e le competenze che essa addebita”.