Home Notizie Cronaca Roma

Manifestazioni a Roma: nessun incidente, disagi per i residenti

SHARE

Con le quattro manifestazioni di sabato 24 novembre, il Sindaco e i residenti del centro storico tornano a chiedere una regolamentazione dei cortei.

Dopo la giornata di sabato, che ha visto la presenza di quattro manifestazioni distinte, per le quali si era paventato il peggio, il Sindaco Alemanno ha voluto ringraziare il Prefetto Pecoraro, il questore e tutti gli uomini delle forze dell’ordine “per essere riusciti a condurre in porto una giornata così difficile, evitando violenze e scontri tra le diverse manifestazioni”. Una giornata intensa per la Capitale che, fortunatamente, si è conclusa senza episodi di violenza. “Anche se si sono evitati disordini – spiega il Sindaco Alemanno – quattro manifestazioni in un giorno sono veramente troppe”. Dopo le polemiche dei giorni scorsi sull’arresto in differita, sul’ipotesi di applicare il una sorta di ‘Daspo’ per i manifestanti, sulla quale il Prefetto si è espresso negativamente, il Sindaco è tornato a parlare della necessità di un regolamento per le manifestazioni nella Capitale: “È necessario, come stiamo chiedendo da molto tempo, un regolamento per le manifestazioni di piazza a Roma. Alle quattro manifestazioni che si sono svolte oggi – continua il Sindaco – hanno partecipato circa 10mila persone complessivamente. Non è pensabile che 10 mila persone tengano bloccata una città di 3 milioni di abitanti. Il diritto a manifestare – conclude Alemanno – non può essere esercitato sulla pelle di tutti i cittadini e bloccando un’intera città”.

Anche Fabrizio Santori, presidente della commissione Sicurezza si è espresso in merito alle molte manifestazioni che, nella giornata di sabato, hanno visto interessato il centro storico della Capitale: “E’ una vergogna sequestrare in casa i residenti del centro storico costretti a subire migliaia di cortei e manifestazioni durante l’anno nell’indifferenza di tutte le istituzioni”.

A questo proposito è nato un comitato di cittadini, il ‘Comitato Basta Cortei nel Centro Storico’, la cui portavoce, Margherita Gabriella Zettera, ha dichiarato: “Il comitato nasce per dire basta a questi soprusi che tengono sotto scacco migliaia di cittadini, privati dei propri diritti. Roma viene ancora una volta umiliata e sottomessa dai manifestanti che mettono in ginocchio la Capitale sia sul piano della mobilità che dei costi da sopportare per la gestione degli eventi e per eventuali danni materiali. Oggi – continua la portavoce – abbiamo assistito all’ennesima giornata di passione segregati nelle nostre case. Non siamo più liberi neanche di fare la spesa nel weekend unici giorni disponibili dopo una settimana di lavoro. Ora siamo stanchi. Nel corso del tempo non sono bastate le numerose firme raccolte e le petizioni depositate è il momento di scendere in campo e far sentire la nostra voce nei confronti del Sindaco di Roma, del Prefetto, del Questore e del Ministro dell’Interno Cancellieri che continuano a promettere protocolli d’intesa, regolamenti e nuovi leggi ma dopo anni la situazione è rimasta immutata. Non vogliamo limitare il diritto a manifestare ma servono delle regole che permettano di rispettare il diritto alla libertà e alla salute dei romani”.

 

Leonardo Mancini