Home Notizie Cronaca Roma

Municipio XI: l’ex Presidente Torelli è il Delegato della Sindaca

A più di un mese dalla sfiducia arriva la decisione ufficiale per traghettare il territorio fino alle prossime elezioni

SHARE

MUNICIPIO XI – Alla fine l’incarico di delegato della Sindaca Raggi per il Municipio XI è arrivato. Questa nomina è toccata all’ex minisindaco del M5s Mario Torelli, sfiduciato in aula il 9 aprile scorso. L’indicazione del rappresentante della Sindaca è arrivata il 15 maggio, a più di un mese dalla caduta della Giunta penta-stellata. Naturalmente i poteri che arriveranno nelle mani di Torelli sono ben lontani da quelli di un minisindaco, oppure di un Commissario, ma serviranno a traghettare il Municipio XI alla prossima finestra elettorale utile.

LE REAZIONI – Non sono mancate le reazioni da parte delle opposizioni a questa indicazione da parte della Sindaca, anche se questa nomina era già stata paventate prima ancora della votazioni sulla sfiducia. “In pratica non ha poteri esecutivi – ha commentato l’ex consigliere grillino, poi passato al gruppo misto, Gianluca Martone – Non concluderanno nulla se non l’ordinaria amministrazione. Se qualcuno pensa invece di riprendere certi piani casa, certi PUP ed altre speculazioni sappia che troverà ancora più opposizione di quella che aveva in aula”. Da Fdi, Valerio Garipoli ha invece parlato di una “Scelta inopportuna. Nessuna coerenza, rispetto del voto del Consiglio d’Aula e senso della democrazia. Una vera vergogna”.

UNA DECISIONE ATTESA – Scelta analoga a quella presa in via Mazzacurati, venne fatta anche per il Municipio III, come ricordato dall’ex consigliere e segretario locale del Pd, Gianluca lanzi: “Non ci sorprende ma è estremamente grave – commenta – Si sceglie di non tenere in considerazione il voto democratico che ha portato alla sfiducia dell’ex Presidente Torelli e dell’ex maggioranza grillina. Con questa decisione appare evidente come la Raggi abbia a cuore solo il Movimento 5 Stelle e non la democrazia e il Municipio XI. Il Comune ci impone un ritorno al passato, mentre noi pensiamo a come costruire il futuro del nostro territorio in vista delle elezioni municipali che chiediamo si svolgano al più presto per restituire ai cittadini il diritto di scegliere il proprio governo territoriale”.

LeMa