Home Notizie Cronaca Roma

Il Municipio XII contro la discarica a Monte Carnevale

Il parlamentino di Monteverde vota all’unanimità contro l’indicazione del sito nella Valle Galeria

SHARE
sedemunicipioxiirepertorio

MUNICIPIO XII – Questa mattina il parlamentino di Monteverde ha votato il suo no alla discarica a Monte Carnevale. Un documento sottoscritto e votato all’unanimità da tutte le forze politiche per chiedere alla Sindaca Raggi un passo indietro rispetto alla decisione presa nel pomeriggio del 31 dicembre scorso. Uno stralcio della Delibera che indica Monte Carnevale come discarica di servizio della Capitale è ormai l’unica possibilità per salvare la Valle Galeria da una nuova discarica a meno di due chilometri da Malagrotta.

NO ALLA DISCARICA DI MONTE CARNEVALE

Già nei giorni scorsi la minisindaca Silvia Cresimano aveva preso posizione contro questa decisione. Il sito di Monte Carnevale infatti, pur ricadendo nel territorio del Municipio XI (al momento senza guida politica dopo lo scioglimento della giunta Torelli), è situato al limitare con il Municipio XII. Durante la seduta del Consiglio Municipale non sono mancati nemmeno alcuni momenti di agitazione, con un attivista del Comitato Valle Galeria Libera che ha deciso di incatenarsi ad una sedia in segno di protesta.

LA MANIFESTAZIONE DELL’11 GENNAIO

È stato anche reso noto che giunta del Municipio XII, assieme ai Consiglieri municipali, parteciperà alla manifestazione dell’11 gennaio promossa ai cittadini della Valle Galeria. Intanto nelle scorse ore si sono moltiplicate le adesioni alla manifestazione da parte di molti esponenti politici, anche se la richiesta dei cittadini per questo corteo è quella di sfilare senza simboli.

LA CONTRARIETÀ ALLA DISCARICA

Intanto in attesa della manifestazione, il Comune ha ricevuto dal Municipio XII un fascicolo di atti utili a valutare l’impossibilità di realizzare una discarica a Monte Carnevale. Questa raccolta di documenti arriva dopo la richiesta, avanzata il 2 gennaio dalla stessa sindaca, di presentare al Comune tutti gli elementi ostativi all’indicazione di questo sito. Soltanto così, a quanto pare, si potrebbe fare un passo indietro.

Leonardo Mancini